CERIPNEWS ®           IN EVIDENZA

   
   
Le scadenze  
    più importanti
    e le notizie
    di maggiore 
    rilievo

    

-

-

-

-

-
01883-stipendi-docenti

-
CERIPNEWS  IN EVIDENZA XVIII-19/06/2018-06:00
-

Stipendi docenti, in arrivo il cedolino con gli aumenti

--
Per il mese di giugno l'esigibilità dello stipendio sarà in anticipo: 
il 22 giugno, poiché il 23 cade di sabato
--
Per il mese di giugno l‘esigibilità dello stipendio sarà in anticipo: il 22 giugno, poiché il 23 cade di sabato. Il cedolino di giugno sarà più consistente per effetto degli aumenti stipendiali derivanti dall’entrata in vigore del nuovo contratto 2016-2018.

-

-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
01875-bonus-cultura-ko

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-18/06/2018-06:00
-

Bonus Cultura ko

--
Il ministro Bonisoli contro il programma destinato a chi compie 18 anni nel 2018
--
Il ministro dei Beni Culturali, Alberto Bonisoli, in un’intervista rilasciata al quotidiano Corriere della Sera, e prontamente rilanciata dalla testata on-line La Tecnica della Scuola, ha annunciato di voler togliere il Bonus Cultura destinato ai 18enni non fosse altro perché:“In alcuni casi era meglio spendere diversamente i soldi. Penso alla 18app, i 500 euro in buoni da far spendere ai diciottenni. Vale 200 milioni… Meglio far venire la fame di cultura ai giovani, facendoli rinunciare a un paio di scarpe”.
 

Per memoria
Il Bonus Cultura è stata un’iniziativa promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Presidenza del Consiglio dei Ministri dedicata a promuovere la cultura. Il programma, destinato a chi compie 18 anni nel 2018, permette di ottenere 500 euro da spendere in cinema, musica e concerti, eventi culturali, libri, musei, monumenti e parchi, teatro e danza, corsi di musica, di teatro o di lingua straniera. Se la misura dovesse restare, i giovani hanno tempo di registrarsi entro il 30 giugno p.v. e spendere il Bonus Cultura entro il 31 dicembre prossimo. Per i ragazzi nati nel 2000 la procedura di registrazione non è attiva.

La reazione del Partito Democratico, che aveva attuato la misura, non si fatta attendere. La deputata dem Anna Ascani ha replicato che “Il ministro persevera in un atteggiamento irresponsabile e svilente nei confronti di 18app, ma soprattutto dei nostri giovani. È delirante arrivare a dire che sarebbe più educativo per un ragazzo la rinuncia a un paio di scarpe per permettersi i consumi di cultura che avere 18app. Come se tutti i ragazzi in questo Paese potessero permettersi i consumi culturali, come se non fosse responsabilità pubblica educare alla cultura”.
Il sospetto – conclude la Ascani – è che il ministro Bonisoli cerchi goffamente un motivo qualsiasi per tagliare i fondi a 18app.
-

-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
01864-mobilita-dirigenti-scolastici

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-16/06/2018-06:00
-

Mobilità Dirigenti scolastici siciliani

--
Avviate le operazioni su conferme, mutamenti, mobilità interregionale / Le sedi disponibili /
Le fasce di complessità per l’a.s. 2018/2019
--
Avviate le operazione di attribuzione degli incarichi dei Dirigenti scolastici siciliani: conferme, mutamenti, mobilità interregionale con decorrenza 01/09/2018, pubblicate le sedi disponibili e le fasce di complessità per l’a.s. 2018/2019.
PER LEGGERE E/O SCARICARE I FILE:  2018-06-16-mobilita-ds  /  2018-06-16-sedi-disponibili-mobilta-ds  /  2018-06-16-definizione-criteri-fasce-complessita

-

-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
01851-ds-vanno-valutati-collegialmente

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA  XVIII-15/06/2018-06:00
-

I Ds vanno sempre valutati collegialmente

--

La Corte costituzionale ha dichiarato illegittima la legge 122/2018
della Provincia autonoma di Bolzano

--
La valutazione dei dirigenti scolastici deve essere sempre collegiale, ciò vale per tutta l’Italia, compreso la Provincia autonoma di Bolzano.
Ne dà notizia Alessandra Ricciardi di ItaliaOggi di ieri precisando che la Corte costituzionale ha dichiarato, con la sentenza n. 122/2018, l'illegittimità costituzionale dell'articolo 1, comma 2 della legge della Provincia autonoma di Bolzano n. 14 del 2016, nella parte in cui il dispositivo provinciale restringe solo da alcune ipotesi la previsione della composizione collegiale dell'organo chiamato a svolgere le verifiche e a esprimere la proposta di valutazione del preside, giudizio che sarà utilizzato dal Direttore scolastico regionale per l'attribuzione dei successivi incarichi e per l'attribuzione del salario accessorio. Nella fattispecie, si prevede una valutazione collegiale solo per l'anno di prova e per il servizio globale, mentre la verifica sul servizio annuale è elaborata, stando alla legge provinciale, dal solo ispettore scolastico.
È pur vero, scrive la Consulta, che la legge 107 consente una certa flessibilità circa la composizione dell'organico collegiale, ma la previsione di Bolzano inficia la stessa identità e funzione della valutazione «essendo il requisito della collegialità volto a valorizzare il contributo di diverse professionalità e la migliore ponderazione degli interessi coinvolti». La violazione dei principi fondamentali della legge statale si ravvisa anche nella disposizione, sempre articolo l , comma 2, che attribuisce all'intendente scolastico il potere «del tutto inedito e sfornito di qualsiasi riferimento normativo nell'ambito della disciplina statale», di approvare su richiesta del dirigente scolastico interessato una forma di valutazione alternativa. «Si introduce un grave elemento di incertezza poiché rende imponderabili i criteri di valutazione e aleatori i suoi risultati, violando la necessaria terzietà prevista dalla legge statale dell'organo di valutazione», statuisce la Consulta.

-

-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
01840-posti-ds-dsga-sicilia

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA  XVIII-14/06/2018-06:00
-

Posti Ds e Dsga in Sicilia a.s. 2018/2019

--
Il decreto del Direttore Generale Regionale e gli Allegati A e B
--

Il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia, dott.ssa Maria Luisa Altomonte, ha determinato i posti di Dirigente scolastico e di Direttore dei servizi generale e amministrativi in Sicilia per l’anno scolastico 2018/2019 nelle Istituzioni scolastiche autonome sottodimensionate rispetto ai parametri stabiliti dal D.L.98/2011 e in quelle

site nelle piccole isole, nei comuni montani e nelle aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche.
PER LEGGERE E/O SCARICARE I PDF:  2018-06-14-decreto-usr / 2018-06-14-allegati a-b

-

-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
01829-la-scuola-che-vogliamo

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-13/06/2018-06:00
-

“La scuola che vogliamo. Ripensare la scuola,
ripensare il suo modello di governo”

--
Congresso dell’Associazione Nazionale Docenti, Sala Convegni “Al Frantoio”, 
22 giugno, ore 16:00, Via Temesa, traversa di Via degli Stati, Cosenza
--
La scuola che vogliamo. Ripensare la scuola, ripensare il suo modello di governo”. Questo il tema posto al centro della discussione e riflessione dall’Associazione Nazionale Docenti che celebrerà venerdì 22 giugno 2018 il IV Congresso Nazionale, a vent’anni dalla sua fondazione. L’evento si terrà nel pomeriggio a Cosenza nella Sala Convegni del locale “Al Frantoio”, in via degli Stadi, a partire dalle ore 16:00.

-

-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
01813-adeguamenti-antincendio

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-12/06/2018-06:00
-

Adeguamenti antincendio, pareri dell'Avvocatura dello Stato

--
Da Dirigenti News Cisl Scuola n. 22 dell’11/06/2018
--
«Come abbiamo ricordato nel numero di Dirigenti News del 9 aprile, i termini per l’adeguamento antincendio, scaduti il 31/12/2017, non sono stati più prorogati. Con D.M. 21/03/2018, pur nulla innovando in tema di ripartizione delle responsabilità, sono state fornite indicazioni sui livelli di priorità di realizzazione degli interventi, in quelle situazioni che ancora non siano a norma (numerosissime purtroppo).
Le responsabilità restano quelle già note. In relazione alla mancanza di CPI, alleghiamo due pareri dell’Avvocatura dello stato, resi disponibili dalla DGR Piemonte sul sito dell'Osservatorio per la sicurezza (Parere 30/07/2010 e Parere 15/02/2012). Dalla formulazione dei pareri si deduce, come abbiamo sempre suggerito di fare, che risulta opportuno che i dirigenti scolastici, laddove ravvisino la mancanza del CPI chiedano e se del caso diffidino l’Ente Locale ad attivarsi per ottenere il rilascio del CPI da parte dei vigili del Fuoco”. L’Avvocatura sottolinea che se il CPI manca, i dirigenti scolastici non possono ritenersi responsabili sia sotto il profilo penale che amministrativo e civile. Rimane assolutamente prioritario effettuare sempre tutte le necessarie segnalazioni all’ente locale.
Al DM 21 marzo 2018, che abbiamo prima ricordato, è seguita una lettera Circolare del Corpo nazionale dei vigili del Fuoco, volta a fornire indicazioni circa l’attività ispettiva svolta dal personale. In particolare vi si specifica che in caso di accertamento di violazioni dovranno essere valutati tra l’altro i mancati adempimenti a carico di soggetti responsabili delle attività. Possono essere prescritte misure integrative, in attesa dei tempi di regolarizzazione concessi nei provvedimenti. Tra le misure ve ne sono diverse che potrebbe essere opportuno adottare comunque nel caso l’edificio non sia adeguato alla normativa sulla sicurezza antincendio.
Appare comunque evidente come sia necessario un intervento di coordinamento da parte del Miur, che dovrà raccordarsi con il Ministero dell’Interno, per evitare che ancora una volta i dirigenti scolastici siano chiamati in causa per responsabilità di altri. Sullo sfondo rimane l’urgenza di riallacciare con il Parlamento un dialogo che consenta di riprendere il discorso circa la modifica della normativa sulla sicurezza negli ambienti di lavoro, ripartendo da quel testo unificato che le Commissioni Lavoro e Istruzione avevano messo a punto nella precedente Legislatura».

-

-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
01793-sei-giorni-ferie

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-11/06/2018-06:00
-

I 6 giorni di ferie possono essere fruiti come permesso

--

Le segreterie scolastiche adesso hanno il codice SIDI e cade ogni alibi per alcuni Ds intransigenti

--
Dal sito OrizzonteScuola.it (www.orizzontescuola.it/i-6-giorni-di-ferie-possono-essere-fruiti-come-permesso-e-ufficiale-le-segreterie-hanno-il-codice-sidi/)   
«Tramite un avviso sul portale SIDI, diventa realtà per gli insegnanti di tutte le scuole di Italia la possibilità di fruire dei 6 giorni di ferie come permessi. Lo stabiliscono i nuovi codici che le segreterie scolastiche dovranno inserire per le assenze del personale della scuola.
L’inserimento del nuovo codice PE03 che recita “PERMESSO PER MOTIVI PERSONALI O FAMILIARI” recepisce la richiesta di poter inserire a sistema i sei giorni di ferie eventualmente commutati in permessi personali.
Si precisa  che il sistema non effettuerà nessun tipo di controllo in relazione al numero di giorni di ferie. Inoltre  sarà a cura dell’utente valorizzare il sub-codice corretto nel caso si tratti dei giorni di ferie utilizzati  come permesso personale.”
Riteniamo che ciò convalidi ancora una volta tutti i nostri articoli sull’annosa questione (che per noi è comunque sempre stata più che chiara) sulla possibilità, per il personale docente assunto a tempo indeterminato, di utilizzare, dopo i 3 giorni di permesso per motivi personali e familiari, i 6 giorni di ferie alle stesse condizioni dei 3 giorni ovvero per gli stessi motivi e stesse modalità e senza bisogno di trovarsi un sostituto.
Ricordiamo che purtroppo negli ultimi anni più di qualche dirigente  ha negato questo diritto,  pensando che a partire dalla legge 228/2012 ciò non fosse più permesso.
Lo abbiamo detto e ridetto più volte che l’art. 15 comma 2 del CCNL 2007 (che regola tutta la questione) non è stato mai messo in discussione, e ciò ha trovato ulteriore conferma nel nuovo CCNL 2018 il quale ha confermato tutti gli articoli non modificati tra cui appunto rientra l art 15 per i docenti, e ora, ad ulteriore conferma, anche un apposito codice proprio per distinguere i primi 3 giorni e gli ulteriori 6 sempre da fruire alle stesse condizioni. I 6 giorni di ferie possono essere fruiti come giorni di permesso anche nel nuovo Contratto 2016/18
.»

-

-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
01782-formazione-sicilia

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-09/06/2018-06:00
-

Formazione in Sicilia, iscrizioni al top

--
I corsi sono bloccati dal dicembre 2015 e la partenza prossima, contrassegnata dalla svolta Lagalla, è un primo buon segnale
--
Sono oltre 42mila le richieste di iscrizione ai corsi di formazione professionale nella Regione Siciliana. Con il nuovo regime il corso parte in presenza di almeno 15 studenti.
Come è noto i corsi sono bloccati dal dicembre 2015 e la partenza prossima, contrassegnata dalla svolta Lagalla, è un primo buon segnale.
A parte l’avvio concreto dei corsi, resta il problema del riassorbimento degli esuberi e certamente non saranno ripresi tutti. Previsto anche un piano di prepensionamento (stanziati 30 milioni di euro) e un piano per la riconversione in risposta alle richieste di potenziamento della rete digitale nell’Isola.

-

-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
01765-robot-terapeutico

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-08/06/2018-06:00
-

Robot terapeutico inventato da 5 studenti

--
Successo tecnologico di alcuni liceali di Rutigliano alle speciali Olimpiadi
--
Cinque studenti degli Istituti di istruzione secondaria superiore (Iiss) «Alpi-Montale» di Rutigliano sono stati tra i protagonisti delle Olimpiadi nazionali di robotica, organizzate dal Miur, le cui fasi finali si sono svolte al Museo nazionale della scienza e della tecnologia «Leonardo da Vinci» di Milano.
Tra i finalisti provenienti dalle scuole superiori di tutta Italia è stato particolarmente apprezzato il «Dancer physiotherapeutic robot», un robot umanoide, realizzato con i mattoncini Lego, ideato per interagire con i pazienti minori in fase di riabilitazione pediatrica.
Il robot esegue movimenti di estensione, flessione e rotazione di braccia e gambe, al primo incontro con il piccolo paziente chiede il «cinque» al bambino che tenderà a considerarlo un amico di gioco.
Il sottofondo musicale, opportunamente selezionato in base alle necessità specifiche del paziente, accompagna gli esercizi riabilitativi: il robot invita il bambino a imitarlo durante la fisioterapia, riproducendo gli stessi movimenti articolari da esso eseguiti.

-

-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
01742-ata-plof-occupazione

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA  XVIII-07/06/2018-06:00
-

Ata, plof occupazione!

--
In 7 anni persi 3.667 posti; i tagli in Sicilia
--
Per il prossimo anno scolastico la dotazione Ata scende a 203.456 posti. In Campania, -115 posti; in Sicilia, -73; in Puglia, -98. In totale in 7 anni si sono persi 3.667 posti, eppure tutti sanno, a parte il Miur e il Mef, che senza personale Ata le scuole non possono andare avanti.
La scuola del cambiamento con bicolore politico giallo-verde e il trittico Conte-Bussetti-Tria modificheranno questo flop progressivo? Staremo a vedere!

-

-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
01718-tetto-tasse-scolastiche

-
CERIPNEWS  IN EVIDENZA XVIII-06/06/2018-06:00
-

Nuovo tetto per le tasse scolastiche

--
L'esonero totale fissato a 15.748 euro
--
Il nuovo tetto per l'esonero totale dal pagamento delle tasse scolastiche per gli studenti di IV e V superiore è stato fissato a 15.748,79 euro.
Lo ha deciso il Miur in uno schema di decreto già inviato alla Conferenza unificata Stato-Regioni. La nuova soglia al di sotto della quale scatterà l'esonero si applica a partire dal prossimo anno scolastico 2018/19 per gli iscritti alle classi terze. Mentre riguarderà dal 2019/2020 anche gli studenti gli iscritti alle classi quinte.
Fa fede il valore dell'indicatore della situazione economica equivalente, l'Isee, della famiglia dell'alunno.
Come è noto, le tasse scolastiche sono obbligatorie solo per gli studenti di IV e V superiore, non è dovuto agli alunni delle primaria e delle medie e quelli iscritti alle prime tre classi dell'istruzione secondaria di secondo grado, perché la legge prevede che la scuola pubblica sia gratuita fino all'età dell'obbligo, cioè fino al compimento dei 16 anni di età da parte dello studente.
Per gli iscritti in V scatta il pagamento della tassa di frequenza, di quella di esame e di quella di diploma. É ammessa l'esenzione dal pagamento delle tasse scolastiche ( Decreto legislativo n, 297/1994, art. 200) per motivi economici, cioè basso reddito familiare, e per meriti dello studente, cioè se lo studente ottiene alla scrutinio finale una media pari o superiore a 8/10 con non meno di 8 in condotta, o per l'appartenenza a speciali categorie di beneficiari.
La quota del 19% delle tasse scolastiche è detraibile purché il pagamento venga effettuato tramite banca o bollettino postale, conservando la ricevuta del versamento.

-

-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
01703-concorso-fasullo-prof-risarcita

-
CERIPNEWS N EVIDENZA XVIII-05/06/2018-06:00
-

Concorso fasullo e prof risarcita, ma dopo 28 anni!

--
Vinta la battaglia legale di una docente romana ricercatrice a La Sapienza
--
Dopo 28 anni una prof romana, già ricercatrice a La Sapienza,  ha ottenuto circa 260mila euro di risarcimento da parte del Miur per i danni economici e morali subiti quando era ricercatrice alla Facoltà di Economia dell'Università già citata.
I fatti risalgono al luglio del 1990 quando la prof aveva partecipato al concorso per professore associato del raggruppamento disciplinare “Economico-Estimativo”. Dopo un anno la commissione, nel giugno del 1991, aveva annunciato i 35 vincitori, ma tra questi non c'era il nome della ricercatrice che, dopo aver notato un'incompatibilità nella Commissione giudicatrice, aveva presentato il ricorso al Tar del Lazio.
Il Tribunale amministrativo regionale aveva annullato l'atto di nomina dei 35 professori perché un docente aveva già fatto parte della commissione del precedente concorso di settore nel 1986, un comportamento vietato dalla legge per evitare favoritismi.
Ma quello che sembrava un percorso lineare, si è trasformato in poco tempo in un'odissea giudiziaria: il Miur ha proposto ben tre ricorsi in appello, tutti respinti dal Consiglio di Stato e per anni non ha eseguito la sentenza, rendendola lettera morta!
Ancora una volta nel 2008 il Tar del Lazio ha dato ragione alla professoressa che aveva fatto ricorso per smuovere il Miur, fino a quel momento sordo a qualsiasi richiesta di risarcimento. Nel 2010 finalmente la docente viene nominata professoressa associata, riprendendosi quello che le era stato tolto per vent'anni, ma il Miur ha continuato a non riconoscere nessun indennizzo per i danni provocati in questi anni alla sua carriera universitaria.
Così la prof è stata costretta a presentare uno nuovo al Tar e lo vince ancora una volta. Stavolta i giudici hanno ordinato al Miur di risarcire la professoressa per i danni subiti e sistemare la parte previdenziale condizionata dalla decisione della commissione nel 1990 con un assegno di 257.684 euro.

-

-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
01694-dipendenti-pubblici-in-pensione-prima

-
CERIPNEWS  IN EVIDENZA XVIII-03/06/2018-06:00
-

I dipendenti pubblici vanno in pensione prima: lo dicono i dati Inps

--
Ocse: in Italia c’è la maggior differenza tra l’età per la pensione prevista dalla normativa
e quella effettiva
--
I dati Inps sui pensionamenti sono una risposta indiretta alle proposte di modifica/abolizione della legge Fornero che il neo governo giallo-verde vuole portare avanti, ovviamente trovando i soldi!
L’Italia, come è noto, é uno dei Paesi europei dove i requisiti per l’accesso alla pensione sono più elevati: 66 anni e 7 mesi d’età e almeno 20 anni di contributi sono necessari per smettere di lavorare con la pensione di vecchiaia e dal prossimo anno questa età anagrafica aumenterà a 67 anni.
Però secondo recenti dati, nonostante l’età di uscita per la vecchiaia sia pari a 66,7 anni, i lavoratori italiani pubblici vanno in pensione circa 4 anni e 4 mesi prima del dovuto. Il problema è che tra i dipendenti pubblici solo una minoranza percepisce una pensione di vecchiaia; nel dettaglio, nel 2017 solo il 13,4% ha atteso il compimento degli anni richiesti dall’attuale normativa per andare in pensione; la maggioranza - il 56,8% del totale dei trattamenti previdenziali vigenti - invece fa riferimento ad una pensione di anzianità o anticipata; la parte restante percepisce per il 7,9% una pensione di inabilità, per il 4,5% un trattamento al superstite da assicurato e il 17,3% al superstite da pensionato.
[Fonte: www.money.it]

-

-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
01679-mobilita-a-s-2018-2019-nuovo-calendario

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-01/06/2018-06:00
-

Mobilità a.s. 2018/2019: nuovo calendario

--

Spostati i termini delle funzioni e dei risultati

--
Personale docente
Scuola infanzia
- pubblicazione dei movimenti: 12 giugno (invece di 8 giugno)
Scuola primaria
- pubblicazione dei movimenti: 1 giugno 2018 (invece di 30 maggio)
Secondaria I° grado
- chiusura funzioni 9 giugno
- pubblicazione dei movimenti: 27 giugno 2018 (invece di 25 giugno)
Secondaria II° grado
- chiusura funzioni 25 giugno
- pubblicazione dei movimenti: 12 luglio 2018 (invece di 10 luglio)
Personale ATA
- chiusura funzioni: 25 giugno
- pubblicazione dei movimenti 17 luglio (invece di 16 luglio)
Personale educativo
- chiusura funzioni: 28 giugno
- pubblicazione dei movimenti 13 luglio (invece di 10 luglio)

-

-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
 

   In caso di riproduzione 
    totale o parziale dell'Agenzia, 
    è obbligatorio citare la fonte

 CERIPNEWS ® è un dominio 
        registrato (Italian Network 
        Information Center)

  Testata registrata presso 
     il Tribunale di Palermo 
    il  26/10/2001 al n° 23/2001