-

-

-

CERIPNEWS ®   
Gli eventi scolastici più rilevanti pubblicati nella Testata
ARCHIVIO NOTIZIE

- -

-

-

-

-
-
03580-boom-erasmus

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-17/11/2018-06:00
-

Boom Erasmus 2018

--
38mila studenti partiti e 26mila ospitati in Italia
--
Sono quasi 38mila gli studenti volati all’estero (1.500 in più rispetto all’anno precedente) e 26mila quelli ospitati in Italia: sono i numeri del programma Erasmus+ per il 2017/2018 diffusi dall’agenzia Indire, dati che mostrano una sempre maggiore partecipazione degli studenti italiani alla mobilità per motivi di studio. Un “boom” che, secondo le stime, crescerà anche nel 2019, quando l’Italia avrà a disposizione un budget per le borse Erasmus superiore a 76 milioni di euro.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03581-contratto-scuola-in-alto-mare

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-17/11/2018-06:00
-

Contratto scuola in alto mare

--
Incontro interlocutorio e stanziamenti insufficienti
--
I sindacati hanno incontrato il ministro della Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno, in merito al rinnovo del contratto del comparto scuola per il triennio 2019/2021. Un rinnovo di contratto che si preannuncia al quanto problematico, soprattutto per la mancanza di risorse da destinare agli aumenti delle busta paga del personale scolastico, aumenti che si preannunciano irrisori, secondo quanto contenuto nella Legge di Bilancio.
Al riguardo la Flc Cgil, in una nota pubblicata sul sito ufficiale, mette in evidenza come ‘lo stanziamento in Legge di stabilità sia assolutamente insufficiente per poter rinnovare i contratti”.
Anche la Cisl ha commentato l’incontro con la ministra Bongiorno, definendolo “del tutto interlocutorio e ben lontano dall’essere risolutivo”.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03582-nostra-mala-scuola

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-17/11/2018-06:00
-

La nostra mala scuola

--
Dichiarazioni false sulle vaccinazioni - Paese in piazza contro la prof
--
Dichiarazioni false sulle vaccinazioni
Genitori salernitani indagati per falsità ideologica
Falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico è l’ipotesi di reato contestato dalla Procura di Salerno e due genitori denunciati per aver falsamente dichiarato,nella dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà prodotto alla scuola, che il proprio figlio era in regola con gli obblighi di vaccinazione, nonostante l’Asl avesse inviato loro la convocazione con invito a presentarsi per la prescritte vaccinazioni. I fatti contestai risalgono al periodo tra settembre 2017 ed aprile 2018.
* * * * *
Paese in piazza contro la prof e la preside che la difende
Duemila persone protestano contro la prof dalle maniere rudi
A Trebisacce, un piccolo comune in provincia di Cosenza, 2mila persone sono scese in piazza contro una professoressa che utilizza modi troppo rudi con i ragazzi e li omaggia con epiteti offensivi quali: “Capre, ignoranti, vi prendo a calci in culo”, ma secondo i ragazzi l’ultima offesa conterrebbe addirittura allusioni ai “forni crematoi”. La protesta di studenti e genitori è estesa anche alla Ds che avrebbe prese le difese della professoressa senza avere accertato la consistenza dei fatti.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
03570-ingegneri-italia

-
CERIPNEWS  NOTIZIE XVIII-16/11/2018-06:00
-

Ingegneri in tutta Italia

--
Almeno un corso di laurea in ogni regione
--
Alla fine del corrente anno si avrà almeno un corso di laurea ingegneristica in ogni regione italiana, come afferma il Consiglio nazionale degli ingegneri (Cni) che ha elaborato i dati del Miur.
Secondo il Cni i corsi di laurea e laurea magistrale attinenti alle discipline ingegneristiche nel 2018/2019 sono 778, ben 40 in più rispetto allo scorso anno accademico.
Tale espansione non si limita solo alle quantità, ma coinvolge anche la distribuzione territoriale, fino al punto che oggi si è arrivati ad avere almeno un corso di laurea in tutte le regioni italiane.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03571-problemi-psichici

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-16/11/2018-06:00
-

Un ragazzino su quattro soffre di problemi psichici

--
Oltre un milione tra bambini e adolescenti vittima di ansie comportamentali
--
In Italia un ragazzino su quattro soffre di disturbi psichici; la fascia media è quella compresa tra 10 anni e 18 anni, mai sono anche casi di disagio segnalati fin dalla scuola primaria.
Secondo i dati dell’Oms si tratta di una forbice di patologie mentali minorili tra il 15 e il 20 per cento. Un dato notevole grazie al fatto che i genitori oggi si fanno meno problemi ad accompagnare il figlio dallo psicologo.
Le aree di sofferenza comprendono l’ansia, la depressione, l’iperattività, i disturbi bipolari, le sofferenze cognitive e i deficit di apprendimento.
Mano mano che si alza l’età (da 12 a 18 anni le richieste di aiuto riguardano casi di autolesionismo e di Hikikomori, la sindrome dei ragazzi che chiudono in camera, ecc.
Insomma quelle che fino a pochi anni fa sembravano problematiche legale quasi esclusivamente al mondo degli adulti, oggi appaiono sempre più materia di studio e cura di psichiatri infantili.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03572-eduscopio

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-16/11/2018-06:00
-

Perché non convince Eduscopio

--
Non si possono mescolare i non immatricolati con quelli iscritti all’estero
--
I dati di Eduscopio sulla classifica delle scuole italiane redatta da Eduscopio considerando solo gli studenti che si immatricolano negli atenei italiani non è corretta, perché non tiene conto degli iscritti nelle università estere che invece sono etichettati come “non immatricolato” piuttosto che “dato non disponibile” in assenza di certezza di destinazione. Insomma non si possono  mescolare i non immatricolati con quelli iscritti all’estero.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03560-nono-atlante-save-the-children

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-15/11/2018-06:00
-

Nono Atlante Save The Children

--
In Italia 1,2 milioni di minori in povertà assoluta
--

Oltre al divario fra le competenze scolastiche, in Italia esiste un divario esistenziale con 1,2 milioni i bambini e gli adolescenti che vivono in povertà assoluta. Il loro futuro però non dipende solo dalle condizioni economiche della famiglia, ma anche dall’ambiente in cui vivono: nelle grandi città italiane ci sono divari «sconcertanti» di scolarizzazione tra una zona e l’altra, con differenze che arrivano al 20%. L’allarme arriva dai dati contenuti nel nono Atlante dell’Infanzia a rischio presentato da Save The Children dedicato alle “periferie educative” e pubblicato anche quest’anno da Treccani.
I dati dicono che a Napoli i 15-52enni senza diploma di scuola secondaria di primo grado sono il 2% al Vomero e quasi il 20% a Scampia, a Palermo il 2,3% a Malaspina-Palagonia e il 23% a Palazzo Reale-Monte di Pietà. Mentre nei quartieri benestanti a nord di Roma, i laureati (più del 42%) sono 4 volte quelli delle periferie esterne o prossime al Gra nelle aree orientali della città (meno del 10%). Ancora più forte la forbice a Milano, dove a Pagano e Magenta-San Vittore (51,2%) i laureati sono 7 volte quelli di Quarto Oggiaro (7,6%).
Differenze notevoli tra una zona e l’altra delle varie città anche per i Neet, ovvero i ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studiano più, sono senza lavoro e non sono inseriti in alcun circuito di formazione: nel capoluogo lombardo, in zona Tortona, sono il 3,6%, meno di un terzo di quelli di Triulzo Superiore (14,1%), mentre a Genova sono 3,4% a Carignano e a Ca Nuova 15,9%, e a Roma 7,5% Palocco e 13,8% a Ostia Nord. Anche i dati tratti dai test Invalsi – si legge nell’Atlante – testimoniano il divario nell’apprendimento scolastico. A Napoli, ad esempio, una distanza di 25 punti Invalsi divide i bambini dei quartieri più svantaggiati da quelli che abitano a Posillipo, a Palermo sono 21 quelli tra Pallavicino e Libertà, a Roma 17 tra Casal de’ Pazzi e Medaglie d’Oro e a Milano 15 punti dividono Quarto Oggiaro da Magenta-San Vittore.

«È assurdo che due bambini che vivono a un solo isolato di distanza – commenta il direttore generale di Save the Children Valerio Neri – possano trovarsi a crescere in due universi paralleli. Rimettere i bambini al centro significa andare a vedere realmente dove e come vivono e investire sulla ricchezza dei territori e sulle loro diversità, combattere gli squilibri sociali e le diseguaglianze, valorizzare le tante realtà positive che ogni giorno si impegnano per creare opportunità educative che suppliscono alla mancanza di servizi». In tal senso, Save the Children è presente nelle periferie più svantaggiate di 18 città italiane grazie a una rete di 23 Punti Luce, nei quali offre a bambini e ragazzi tra i 6 e i 16 anni l’opportunità di partecipare ad attività formative ed educative, come accompagnamento allo studio, laboratori artistici e musicali, gioco e attività motorie, che solo nell’anno in corso hanno coinvolto oltre 8.130 minori.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03561-legittitmo-sette-in-condotta

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-15/11/2018-06:00
-

Legittimo il 7 in condotta per comportamenti tenuti fuori della scuola

--
Sentenza del Tar Campania: non si tratta di voto negativo
--

Il voto in condotta ha una funzione educativa tesa a favorire l’acquisizione da parte degli alunni di una coscienza civile, sulla cui decisione alla scuola è attribuita ampia autonomia decisionale, ma il 7 non è configurabile quale voto negativo. Lo ribadisce il Tar Campania con la sentenza 6508 dell’8 novembre.
Riporta la notizia il quotidiano “Il Sole 24 Ore” precisando che alcuni genitori hanno impugnato il provvedimento col quale è stato attribuito alla figlia il voto di condotta di 7/10 al termine dell’anno scolastico conclusivo del ciclo della scuola dell’obbligo. Alla base della valutazione vi sarebbero presunte frasi offensive nei confronti di una compagna, proferite nella chat whatsapp della classe. Contestano che la presunta condotta offensiva sarebbe avvenuta all’esterno della scuola, in orari diversi da quelli scolastici e in assenza di interlocuzione sia con l’allieva che con la famiglia.
L’alunna non ha però subito alcuna sanzione disciplinare né la decurtazione dei voti nelle altre materie ed è stata licenziata con votazione pienamente sufficiente. Infatti il 7 in comportamento, non essendo inferiore alla sufficienza, non è configurabile quale voto negativo secondo quanto dispone l’articolo 2 del Dm 5/2009, con cui il Miur ha definito i criteri e modalità applicative della valutazione del comportamento, che fissa la sufficienza a 6/10.
I giudici campani fanno riferimento all’articolo 7 del Dpr 122/2009, secondo cui la valutazione del comportamento degli alunni «si propone di favorire l’acquisizione di una coscienza civile basata sulla consapevolezza che la libertà personale si realizza nell’adempimento dei propri doveri, nella conoscenza e nell’esercizio dei propri diritti, nel rispetto dei diritti altrui e delle regole che governano la convivenza civile in generale e la vita scolastica in particolare».
All’istituzione scolastica, aggiungono, e in particolare al consiglio di classe, è attribuita ampia autonomia decisionale nel valutare il comportamento degli alunni in relazione ai parametri indicati nella suddetta disposizione, specialmente laddove fa riferimento al rispetto dei diritti altrui e delle regole che governano la convivenza civile e la vita scolastica.

Il contesto normativo è ritenuto sufficiente dal Tar Campania per respingere il ricorso, tenuto conto che l’atteggiamento tenuto dall’alunna con le frasi ingiuriose proferite nei confronti della compagna viola palesemente l’articolo 7 citato e contrasta con quanto previsto dal Ptof, che esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che la scuola ha adottato nell’ambito della propria autonomia.
La graduazione dei voti di condotta risponde all’esigenza di rendere l’allievo consapevole delle conseguenze delle proprie azioni e delle eventuali sanzioni, nell’ottica della funzione di for
mazione globale che è riconosciuta alla istituzione scolastica. In questo senso ha una “funzione educativa”, per cui la votazione negativa riconosciuta all’alunna è legittimo nella misura in cui ella si sia dimostrata poco rispettosa nei confronti di una compagna.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03562-questa-nostra-buona-mala-scuola

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-15/11/2018-06:00
-

Questa nostra buona e mala scuola

--
Studenti vanno in Usa con fondi privati - Il bullo di Vimercate - Bullismo a Castel di Sangro
--
La nostra buona scuola
Studenti vanno in Usa con fondi privati
Il presidente della Brembo sosterrà le spese per mandare in Usa i tre studenti della scuola di Napoli arrivati secondi in un concorso di robotica che ha coinvolto 300 scuole di tutto il mondo e adesso devono sostenere la finalissima a Boston. Come è noto l’I.T. Righi di Napoli non aveva i soldi per pagare il viaggio ai 3 bravissimi studenti e sono con l’intervento della Brembo l’Itala ha evitare una figuraccia in extremis.
* * * * *
La nostra mala scuola
Il bullo di Vimercate
Il bullo di Vimercate (Monza) s’è fatto vivo con una lettera indirizzata alla professoressa colpita da una sedia ad una spalla, chiedendo perdono. L’episodio aveva spinto il ministro Bussetti a chiedere una punizione esemplare anche perché la prof si era lamentata del fatto che neanche un genitore degli alunni le avesse chiesto scusa. La scelta di chiedere scusa da parte del giovane non esclude tuttavia due risvolti, uno penale e l’altro disciplinare. La Procura dei minori di Milano sta valutando la posizione dello studente, la scuola, a sua volta, ha convocato il consiglio di classe.
Bullismo a Castel di Sangro
I carabinieri della Compagnia di Castel di Sangro, su disposizione del Tribunale dei minorenni dell’Aquila, hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare, in regime di arresti domiciliari, nei confronti di due minorenni residenti a Salerno ed a Foggia che estorcevano denaro ai compagni imponendo loro il silenzio con la minaccia di picchiarli se si fossero ribellati. Il modus operandi della baby gang era quello di avvicinare quotidianamente gli studenti e con minacce e atteggiamenti vessatori estorcere piccole somme di denaro.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03550-doppie-lauree

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-14/11/2018-06:00
-

Svolta sulle doppie lauree

--
Verso l’annullamento dell’art. 142 del R.D. n. 1592/1933
--
A giudicare dagli ultimi dati, in Italia, il fenomeno delle doppie lauree dal profilo internazionale appare sempre più diffuso. Con 851 corsi totali, complessivamente l’anno scorso sono stati più di 32mila gli studenti dei corsi con titolo doppio o congiunto, a fronte dei 29mila dell’anno precedente ed ai 19mila del 2014/2015. Eppure finora in Italia non è possibile o quasi. Ossia un ateneo italiano può fare accordi con la Germania, la Francia e la Svizzera, ma non li può fare con Napoli, Torino e Bologna per via di una norma del Regio Decreto n. 1592 del 1933, art. 142, che sancisce il divieto dell’iscrizione contemporanea a diverse università e a diversi istituti di istruzione superiore,. A diverse facoltà o scuole della stessa università o dello stesso istituto e a diversi corsi di laurea o di diploma della stessa facoltà o scuola.
Vuole porre rimedio a questa stortura il ministro Bussetti che propone un emendamento alla legge di Bilancio teso a  cancellare l’art. 142 del citato R.D. per consentire agli studenti di seguire più di un corso in contemporanea e agli atenei di fare squadra allargando la loro offerta formativa.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03551-concorso-idr

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-14/11/2018-06:00
-

Concorso IdR con criterio duale

--
Metà posti riservati ai triennalisti, i restanti al concorso ordinario
--
Si torna a parlare di concorso per gli insegnanti di Religione Cattolica, organizzato secondo un criterio duale: 50% dei posti ai vincitori di concorso ordinario e l’altra metà ai vincitori di sessioni riservate destinate ai precari triennalisti.
La prevede una bozza che il sen. Mario Pittoni (Lega), presidente della VII Commissione del Senato dovrebbe depositare a breve e che prevede la modifica dell’art. 5, co. 1 della legge 186/2003.
Le graduatorie di merito saranno regionali, e articolate per ambiti diocesani ai sensi della legge 186/2003.
I contenuti del bando, le prove e la valutazione dei titoli saranno contenuti in un DM da adottare entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore delle nuove disposizioni.
Il bando non prevede la prova di lingua straniera perché i vecchi percorsi accademici pontifici non prevedevano tale insegnamento ed anche perché l’insegnamento della RC in lingua straniera non è previsto dall’attuale ordinamento scolastico.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03552-valore-legale-laurea

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-14/11/2018-06:00
-

Salvini contro il valore legale della laurea

--
L’accusa: Scuola e università serbatoi elettorali e sindacali
--
La confortevole ed accogliente platea della scuola di formazione politica della Lega è stata la platea ideale per il vicepremier Matteo Salvini per sparare contro il valore legale del titolo di studio, affermando, fra l’altro, che bisogna mettere mano anche alla scuola che assieme all’università sono stati negli ultimi anni serbatoi elettorali e sindacali.
Lo stop al leader del Carroccio è arrivato subito dal responsabile del Miur che ha precisato prontamente che il tema è interessante, ma non è in programma almeno per il momento.
Quanto alla scuola Bussetti non ha in mente una riforma complessiva, ma solo modifiche che creino maggiore semplicità, diano certezze e percorsi giusti e mirati per arrivare ad ottenere quello di cui la scuola ha bisogno e per il bene degli studenti.
Intanto gli studenti saranno in piazza venerdì 16 novembre per protestare contro l’assenza strutturale di fondi per l’istruzione e  rilanciano le loro critiche all’esecutivo: “Ad oggi il governo non ha ancora discusso in maniera seria delle questioni legate all’università; il ministro Bussetti, oltre ad una questionario farsa, nulla ha detto in merito alle gravi questioni che affliggono l’università: edilizia, reclutamento, diritto allo studio, anzi si tagliano ulteriori 30 milioni all’interno della legge di Stabilità”.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03530-svimez-2018

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-13/11/2018-06:00
-

Svimez: nel 2018 si riapre la forbice tra Sud e Nord

--
La crescita si fermerà allo 0,8% contro l’1,3%
--
Si riapre la forbice tra Centro-Nord e Sud. Nel quadro del rallentamento generale dell’economia italiana il Pil del Mezzogiorno dovrebbe attestarsi allo 0,8% mentre quello del resto del Paese all’1,3%.
È quanto stima la Svimez nel Rapporto 2018 “L’economia e la società del Mezzogiorno” presentato di recente, in cui si sottolinea che “nel corso dell’ano gli investimenti che sono la componente più dinamica della domanda crescono in entrambe le aree, ma in maniera più marcata al Nord rispetto al Centro –Sud.
Relativamente al peso demografico Svimez rileva che negli ultimi 16 anno hanno lasciato il Mezzogiorno un milione e 883mila residenti: la metà giovani di età compresa tra i 15 e i 34 anni, quasi un quinto laureati, il 16% dei quali si è trasferito all’estero. Quasi 800mila non sono tornati.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03531-statali-contratto-da-fame

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-13/11/2018-06:00
-

Statali, un altro contratto da fame!

--

Per il rinnovo del CCNL statali e scuola, sarebbero disponibili appena 330 milioni

--

Per gli aumenti degli stipendi dei dipendenti statali e scuola resterebbero 330 milioni, ovvero circa 10 euro a dipendente PA. È quanto emerge dalle tabelle della relazione tecnica alla legge di bilancio riportate da Il Sole 24 Ore ed elaborate da Ilenia Culurgioni su Scuolainforma.it .
Questo per ciò che riguarda il 2019 ma anche per il 2020 e 2021 la situazione non cambia troppo. Il 70% dei 
1,1 miliardi di euro di fondi risulta essere infatti già bloccato, ‘prenotato’ per vincoli o destinazioni d’obbligo e per questo il rinnovo dei contratti sarebbe quasi a rischio.
Dalle
 tabelle della relazione tecnica trasmessa in Parlamento insieme alla legge di Bilancio, riportate da Il Sole 24 Ore, si ricavano i fondi destinati al pubblico impiego. Le risorse messe a bilancio per il rinnovo dei contratti statali sono: 330 milioni per il 2019; 465 milioni per il 2020; 815 milioni per il 2021. Ci sono poi le quote già ‘prenotate’:
-
indennità di vacanza contrattuale: 310 milioni di euro all’anno per il 2019; 500 milioni per il 2020 e 2021;
-
elemento perequativo: 310 milioni di euro all’anno per il triennio 2019/2021;
-
integrativi polizia: 210 milioni di euro all’anno per il triennio 2019/2021.
Dunque dalle cifre di partenza (1,1 miliardi per il 2019, 1,4 miliardi per il 2020 e 1,78 miliardi per il 2021) bisogna eliminare le quote bloccate, che sono appunto il 70% del totale.
Questo è ciò che resta per il confronto fra governo e sindacati ai tavoli dell’Aran. Le cifre iniziali avrebbero prodotto un aumento stipendiale di circa 33 euro nel primo anno, 41 nel 2020 e poi 49 euro dal terzo, a regime. Con ciò che rimane in base alle tabelle sopra dette si arriva, invece, a un aumento medio a dipendente statale, docenti e Ata compresi, di circa 10 euro. Al momento sembra difficile che parta il confronto per il 2019 e anche per il 2020 e il 2021 la situazione non pare essere troppo differente.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03532-casi-mobillo

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-13/11/2018-06:00
-

Otto casi di morbillo in corsia

--
Cinque minorenni e tre adulti a Bari – Burioni e la profilassi: Italia peggio del Ghana
e della Sierra Leone
--
Gli 8 casi di morbillo in corsia a Bari, 5 minorenni e 3 adulti, sarebbero stati determinati da una catena di contagi partita da una bambina di 10 anni figlia di una coppia no vax, ha fato scattare l’allarme sulle mancate vaccinazioni.
In materie interviene l’immunologo Roberto Burioni che sul caso dell’ospedale “Giovanni XXIII” del capoluogo pugliese ha le idee chiare: “Chi non vaccina i figli non solo li mette in pericolo, ma crea danno alle altre persone perché l’Italia ha una copertura vaccinale non da Paese sviluppato. È peggiore del Ghana e della Sierra Leone!”
Peraltro il governo gialloverde favorendo l’autocertificazione per le immunizzazioni dei bambini, ostacola l’incremento della copertura vaccinale.
Sulle autocertificazioni il noto immunologo è categorico: “Le autocertificazioni non vanno, per andare in piscina si presenta il certificato medico, non un’autocertificazione!”.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03510-spread-quota-300

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-12/11/2018-06:00
-

Lo spread a quota 300 punti

--
Bankitalia: bruciati 1,5 mld di interessi!
--
La tensione tra Italia e Commissione europea sulla nostra Manovra ha riportato lo spread a quota 300 punti base, mentre l’Italia ha già bruciato – come affermato da Bankitalia - 1,5 miliardi di euro con l’aumento dei tassi di interessi in più negli ultimi sei mesi.
Intanto non cala la tensione tra il governo Conte e Bruxelles: il primo ha fatto sapere che resta fermo sulle sua posizione e intende cambiare la legge di Bilancio; la seconda, vorrebbe una manovra di restrizione fiscale grave perché con le sue previsioni il deficit per il prossimo anno sarà del 2,9% che sfiora il limite di Maastricht del 3% del rapporto tra debito e Pil.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03511-sezioni-primavera-sicilia

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-12/11/2018-06:00
-

Sezioni Primavera Sicilia a.s. 2018/2019

--
Siglata Intesa tra USR e Regione Siciliana
--
Siglata l’intesa tra l’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia e la Regione Siciliana relativa alla programmazione e alla gestione complessiva per l’anno scolastico 2018/2019 delle sezioni per bambini tra 2 e 3 anni (Sezioni Primavera) in attuazione dell’Accordo quadro sancito in Conferenza unificata il 1° agosto 2013 come prorogato dall’Accordo del 187 ottobre 2018.
PER LEGGERE IL TESTO DELL’INTESA: 2018-11-12-sezioni-primavera.pdf

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03512-univerrsita-kore

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-12/11/2018-06:00
-

L’Università Kore di Enna cerca esperti di cinese

--
Manifestazione pubblica di interesse a far parte dell’Albo
--
Con D.P. 179/2018, il presidente dell’Università Kore di Enna, prof. Caltaldo Salerno ha indetto una manifestazione pubblica di interesse a far parte dell’Albo di esperti linguistici per l’insegnamento della lingua e della cultura cinese d’intesa con l’USR per la Sicilia e la Direzione Generale del Miur.
PER LEGGERE IL BANDO: 2018-11-12-avviso-confucio.pdf

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03514-la-nostra-mala-scuola

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-12/11/2018-06:00
-

La nostra mala scuola

--
Cagliari: A 16 anni accoltella compagno in classe - Palermo: Due studenti minacciati
--
A 16 anni accoltella compagno in classe
Il ferito, un 15enne cagliaritano, è fuori pericolo
Ha accoltellato il compagno di classe aggredendolo alle spalle mentre l’insegnante era impegnata alla lavagna. La profonda ferita guarirà in 20 giorni salvo complicazioni.
È accaduto in una classe dell’ I.P. “Einaudi” in provincia di Cagliari. IL feritore è stato denunciato alla Procura dei minori per lesioni aggravate.
L’aggressore ed il ferito, a quanto pare, avevano avuto una lite in palestra e si erano scambiati insulti e qualche schiaffo; tornati in classe hanno continuato ad infastidirsi a vicenda e il sedicenne approfittando del momento in cui l’insegnante si trovava alla lavagna ha accoltellato alla schiena il compagno.
* * * * *
Due studenti minacciati
Biglietti anonimi e un danneggiamento a Palermo
Due biglietti anonimi contenenti minacce gravissime a due studenti del Liceo “Cannizzaro” di Palermo ed anche il taglio delle ruote della bicicletta. Il fatto è avvenuto durante le elezioni del Consiglio di istituto a due candidati nella competizione elettorale.
Rigorosa la presa di posizione della Ds che con una circolare ha messo al primo posto il rispetto dell’altro come base della democrazia e della convivenza civile, con invito a tutti gli studenti di non restare indifferenti davanti a forme di violenza verso chiunque.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03501-svimez-scuola

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-10/11/2018-06:00
-

Svimez: al Sud 300mila giovani abbandonano la scuola

--
Negli ultimi 15 anni c’è stato un aumento dei giovani del Sud emigrati verso il Centro-Nord e l’estero
--

Il tasso di scolarizzazione dei 20-24enni al Sud è «notevolmente inferiore» rispetto al Centro-Nord «a causa di un rilevante e persistente tasso di abbandono scolastico». Lo afferma la Svimez nel Rapporto 2018 spiegando che nel Mezzogiorno «sono circa 300 mila (299.980) i giovani che abbandonano, il 18,4%, a fronte dell’11,1% delle regioni del Centro-Nord».

Il rapporto Svimez – scrive il quotidiano “Il Sole 24 Ore” sottolinea anche il basso tasso di occupazione per i diplomati e i laureati nel Mezzogiorno a tre anni dalla laurea: appena 70 mila su 160 mila (43,8%), contro i 220 mila su 302 mila (72,8%) del Centro Nord. «Ciò spiega – sottolinea lo Svimez – perché negli ultimi 15 anni c’è stato un aumento dei giovani del Sud emigrati verso il Centro-Nord e l’estero: nell’anno accademico 2016/2017, i giovani del Sud iscritti all’università sono circa 685 mila, di questi il 25,6%, studia in un ateneo del Centro-Nord». Nello stesso anno accademico «il movimento “migratorio” per studio ha interessato, quindi, circa il 30% dell’intera popolazione rimasta a studiare in atenei meridionali», si legge nel rapporto. Questo, secondo la Svimez, «comporta, oltre alla perdita di capitale umano, una minore spesa per consumi privati, in diminuzione al Sud, e una minore spesa per istruzione universitaria da parte della Pubblica amministrazione».

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03509-concorso-ds-2011

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-10/11/2018-06:00
-

Concorso Dirigenti Scolastici 2011

--
Decisione della Consulta rinviata sine die
--

La redazione di OrizzonteScuola.it informa che è stata rinviata la decisione della Corte Costituzionale prevista per il 20 novembre prossimo sulla procedura che nel 2015 ha sanato il contenzioso sul concorso Dirigenti Scolastici del 2004, ma solo parzialmente quello del 2011, autorizzando l’assunzione di più di 500 dirigenti scolastici in questi ultimi due anni.
La Consulta è chiamata a decidere se l’art. 1, comma 88, della legge 107/2015, l’ultima riforma della scuola, abbia peccato di illegittimità nel prevedere una procedura riservata per il reclutamento dei dirigenti scolastici rivolto ai soli ricorrenti del concorso 2004 e solo parzialmente a quelli del 2011, se destinatari di un provvedimento di primo grado favorevole discriminando così gli altri ricorrenti.

La decisione della Consulta è stata rinviata sine die e senza alcuna motivazione.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03503-permessi-motivi-studio

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-10/11/2018-06:00
-

Permessi per motivi di studio (150 ore)

--
Entro il 15 novembre le domande per il 2019
--
Si avvicina la scadenza per la presentazione delle domande volte a fruire dei permessi per motivi di studio nel corso dell'anno 2019. La materia, infatti, è disciplinata con riferimento all'anno solare, non all'anno scolastico.
Normalmente la scadenza fissata è quella del 15 novembre, anche se a livello regionale possono essere stabilite date diverse, dal momento che il CCNL affida alla contrattazione regionale la definizione dei criteri di fruizione dei permessi in questione.
Le domande devono comunque essere inviate dagli interessati all'Ambito Territoriale della provincia alla quale appartiene la propria scuola di servizio.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03490-iscrizioni a scuola

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-09/11/2018-06:00
-

Iscrizioni a scuola 2019/2020

--
Dal 7 al 31 gennaio 2019
--
Dal 7 al 31 gennaio 2019 potranno essere effettuate le iscrizioni a scuola per l’anno scolastico 2019/2020. Tempi anticipati, dunque, rispetto alle passate iscrizioni che si erano svolte a partire dalla metà di gennaio e fino ai primi di febbraio. Ne dà notizia il Miur in una nota pubblicata sul portale e che riportiamo di seguito.
La circolare con tutte le informazioni utili da dare alle famiglie è stata inviata oggi alle scuole. L’anticipo del periodo delle iscrizioni servirà per far partire prima la macchina delle operazioni che servono per portare in cattedra tutti i docenti a inizio anno scolastico.
Ci sarà dunque tempo dalle 08:00 del 7 gennaio alle 20:00 del 31 gennaio 2019 per effettuare la procedura on line per l’iscrizione alle classi prime della scuola primaria e della secondaria di I e II grado. A partire dalle 09.00 del 27 dicembre 2018 si potrà accedere alla fase di registrazione sul portale www.iscrizioni.istruzione.it. Chi ha un’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) potrà accedere con le credenziali del gestore che ha rilasciato l’identità.
Le iscrizioni on line riguardano anche i corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali (nelle Regioni che hanno aderito). Per le scuole dell’infanzia la procedura è cartacea. L’adesione delle scuole paritarie al sistema delle ‘Iscrizioni on line’ resta sempre facoltativa.
Per effettuare l’iscrizione online le famiglie dovranno innanzitutto individuare la scuola di interesse. Sarà come sempre disponibile, a questo scopo, il portale ‘Scuola in Chiaro’ che raccoglie i profili di tutti gli istituti italiani e consente di ricavare informazioni utili che vanno dall’organizzazione del curricolo, all’organizzazione oraria, agli esiti degli studenti e ai risultati a distanza (Università e mondo del lavoro).
Scuola dell’infanzia
La domanda resta cartacea e va presentata alla scuola prescelta. Possono essere iscritti alle scuole dell’infanzia i bambini che compiono il terzo anno di età entro il 31 dicembre 2019, che hanno la precedenza. Possono poi essere iscritti i bambini che compiono il terzo anno di età entro il 30 aprile 2020. Non è consentita, anche in presenza di disponibilità di posti, l’iscrizione alla Scuola dell’infanzia di bambini che compiono i tre anni di età successivamente al 30 aprile 2020. I genitori possono scegliere tra tempo normale (40 ore settimanali), ridotto (25 ore) o esteso fino a 50 ore.
Scuola primaria
Per la scuola primaria le iscrizioni si fanno online. I genitori possono iscrivere alla prima classe i bambini che compiono sei anni di età entro il 31 dicembre 2019. Si possono iscrivere anche i bambini che compiono sei anni dopo il 31 dicembre 2019 e comunque entro il 30 aprile 2020. Non è consentita, anche in presenza di disponibilità di posti, l’iscrizione alla prima classe della primaria di bambini che compiono i sei anni successivamente al 30 aprile 2020. I genitori, al momento della compilazione delle domande di iscrizione on line, esprimono le proprie opzioni rispetto alle possibili articolazioni dell’orario settimanale che può essere di 24, 27, fino a 30 ore oppure 40 ore (tempo pieno). Possono anche indicare, in subordine rispetto alla scuola che costituisce la loro prima scelta, fino a un massimo di altre due scuole di proprio gradimento. Il sistema di iscrizioni on line comunica di aver inoltrato la domanda di iscrizione verso le scuole indicate come seconda o terza opzione nel caso in cui non vi sia disponibilità di posti nella scuola di prima scelta.
Scuola media
All’atto dell’iscrizione online, i genitori esprimono le proprie opzioni rispetto alle possibili articolazioni dell’orario settimanale che può essere di 30 oppure 36 ore, elevabili fino a 40 (tempo prolungato), in presenza di servizi e strutture idonee. In subordine alla scuola che costituisce la prima scelta, è possibile indicare fino a un massimo di altre due scuole di proprio gradimento. Per l’iscrizione alle prime classi a indirizzo musicale, i genitori devono barrare l’apposita casella del modulo di domanda di iscrizione on line. Le istituzioni scolastiche organizzeranno la prova orientativo-attitudinale in tempi utili per consentire ai genitori, nel caso di carenza di posti disponibili, di presentare una nuova istanza di iscrizione, eventualmente anche a un’altra scuola.
Scuole superiori
Nella domanda di iscrizione online alla prima classe di una scuola secondaria di secondo grado statale, i genitori esprimono anche la scelta dell’indirizzo di studio, indicando anche l’eventuale opzione rispetto ai diversi indirizzi attivati dalla scuola. Oltre alla scuola di prima scelta è possibile indicare, in subordine, fino a un massimo di altre due scuole di proprio gradimento.
L’iscrizione alle prime classi dei Licei musicali e coreutici è subordinata al superamento di una prova di verifica del possesso di specifiche competenze musicali o coreutiche. La prova è organizzata in tempi utili per consentire ai genitori, nel caso di mancato superamento della prova o di carenza di posti disponibili, di presentare una nuova istanza di iscrizione, eventualmente anche a un’altra scuola.
La circolare contiene informazioni dettagliate anche sulle iscrizioni di alunni con disabilità, con disturbi specifici di apprendimento e con cittadinanza non italiana. Con riferimento a questi ultimi, in particolare, si ricorda che anche per quelli sprovvisti di codice fiscale è consentito effettuare la domanda di iscrizione on line. Una funzione di sistema, infatti, consente la creazione di un cosiddetto “codice provvisorio” che, appena possibile, l’istituzione scolastica sostituisce con il codice fiscale definitivo.
Anche per l’anno scolastico 2019/2020 si prevedono interventi a favore degli studenti residenti nei comuni delle zone terremotate del Centro Italia (Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria). È previsto per tutte le domande di iscrizione un tempo aggiuntivo per la scelta definitiva della scuola prescelta tra quelle indicate nella domanda. Per le iscrizioni alla scuola dell’infanzia è possibile anche indicare due istituzioni scolastiche anziché una.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03491-fondo-valorizzazione-docenti

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-09/11/2018-06:00
-

Fondo per la valorizzazione dei docenti

--
Comunicato alle scuole l’importo delle risorse
--
Con nota 24 ottobre 2018 prot. n. 21185 il Miur ha comunicato alle singole istituzioni scolastiche gli importi relativi all’assegnazione della risorsa finanziaria finalizzata a retribuire la valorizzazione del personale docente per il corrente anno scolastico 2018/2019.
Tali importi sono al lordo dipendente, cioè al netto dei contributi previdenziali ed assistenziali a carico dello Stato e dell’IRAP. Tali oneri riflessi infatti saranno liquidati direttamente dal MEF - NoiPA sui pertinenti capitoli e piani gestionali del bilancio del Miur.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03492-sperimentazione-rav-nei-cpia

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-09/11/2018-06:00
-

Sperimentazione RAV nei CPIA

--
Dal corrente anno scolastico 2018/19 saranno coinvolti nella compilazione del RAV tutti i CPIA presenti sul territorio nazionale
--
Nell’ambito del progetto PON Valu.E. (Valutazione/Autovalutazione Esperta), l'Invalsi, in collaborazione con i Centri di Ricerca, Sperimentazione e Sviluppo, ha avviato uno studio volto ad adattare il format del RAV, già utilizzato da tutte le istituzioni scolastiche statali di I e II ciclo, alla realtà dei CPIA. Dopo un periodo di approfondimento della normativa e degli esiti degli studi condotti localmente, sono stati organizzati alcuni gruppi di lavoro tematici, con il coinvolgimento di numerosi Dirigenti scolastici e docenti dei CPIA.
Si è giunti all’elaborazione di una bozza di format specifico di Rapporto di Autovalutazione per i CPIA e alla definizione di una Mappa degli indicatori utili per l'autovalutazione. Il lavoro di ricerca è ancora in corso, e porterà alla versione definitiva del RAV CPIA e della Mappa degli indicatori, che saranno disponibili, in formato cartaceo, accedendo nell’Area riservata nella sezione Documenti della piattaforma dedicata al SNV.
Dal corrente anno scolastico 2018/19 saranno coinvolti nella compilazione del RAV tutti i CPIA presenti sul territorio nazionale. Sarà possibile, inoltre, compilare il Questionario Scuola CPIA e il Rapporto di Autovalutazione CPIA all’interno della medesima piattaforma, accedendo all’Area riservata. Per tale motivo saranno previsti due momenti distinti di apertura della piattaforma: il primo per la compilazione del Questionario Scuola CPIA e il secondo per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione CPIA.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03493-hikikomori-nostrani

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-09/11/2018-06:00
-

Gli Hikikomori nostrani

--
Ragazzi come “eremiti”, unico amico la Rete!
--
In Giappone li chiamano Hikikomori e rappresentano una piaga sociale, in Italia dove il fenomeno è approdato più di recente, vengono definiti “eremiti”, sono i giovani in età scuola spesso non vanno a scuola, si isolano da tutti e stati attaccati alla Rete giorno e notte.
Le segnalazioni arrivano da tutta Italia e riguardano sia maschi che femmine di età compresa fra i 13 ed i 16 anni.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03480-stabilizzazione-lsu

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-08/11/2018-06:00
-

Stabilizzazione Lsu ancora tutto da rivedere: restano fuori dal personale ATA

--
Dopo il voto positivo in Commissione Cultura alla Camera situazione in alto mare
--
I circa 12 mila lavoratori delle ditte di pulizia esterni da stabilizzare con la risoluzione 37 di Luigi Gallo (M5S) restano fuori dal personale ATA. Tutto da rifare. La notizia riportata da Italia Oggi arriva a sorpresa per tanti. Tutto sembrava pronto per la stabilizzazione degli Lsu, soprattutto dopo la votazione con esito positivo lo scorso 17 ottobre in Commissione Cultura della Camera. E invece la situazione resta ancora nel limbo.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03481-certezze-bussetti

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-08/11/2018-06:00
-

Le certezze di Bussetti

--
Scuola, Università e Ricerca
--
Quarantamila docenti specializzati sul sostegno
Mille contratti per i ricercatori
Dialogo aperto con gli studenti, ma niente occupazioni
Via alla nuova maturità, senza Invalsi e alternanza; prima di Natale le modalità della seconda prova d’esame
Abbassare il tetto minimo di ore di ASL
Più accessi a Medicina, dal 2019 e cambiare i test di ammissione.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03470-proroga-programma-annuale

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-07/11/2018-06:00
-

Proroga Programma annuale 2019

--

E la Sicilia? Come sempre resta al palo! – Che fanno le OO.SS. Scuola?

--

In vista della prossima pubblicazione del nuovo Regolamento di contabilità delle istituzioni scolastiche, attualmente al vaglio degli organi di controllo, il Miur ha prorogato i termini per la predisposizione ed approvazione del Programma annuale relativo all’esercizio finanziario 2019.
Il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca (MIUR), di concerto con il Ministero dell’economia e delle Finanze (MEF), ha provveduto alla revisione del Regolamento amministrativo-contabile delle Istituzioni scolastiche, (D.I. 44/2001).
Con il nuovo Regolamento, attualmente al vaglio degli organi di controllo, il Ministero, oltreché provvedere al necessario adeguamento rispetto alle novità legislative, pone le basi per la realizzazione di un percorso di evoluzione e di semplificazione dei processi e degli strumenti amministrativo contabili delle Istituzioni scolastiche.
Ovviamente il provvedimento non vale per la Sicilia, dato che ancora oggi il competente Assessorato regionale non ha dato disposizioni in merito. E le OO.SS. Scuola della Sicilia che fanno?

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03471-ore-licei-musicali

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-07/11/2018-06:00
-

Nei licei musicali raddoppiano le ore

--
Il MIUR costretto alla nomina di 400 docenti in più, che però non bastano!
--
Nei licei musicali dal prossimo anno scolastico saranno assunti 400 prof in più per il ripristino della seconda ora di strumento musicale nel biennio, precedentemente taglia dal MIUR contro cui si sono pronunciate ben due sentenze del TAR questa estate.
A prevedere l’incremento dei posti, che non bastano, è l’art. 53 della legge di Bilancio che dà copertura finanziaria alla misura.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03472-prof-presa-a-sediate

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-07/11/2018-06:00
-

La prof presa a sediate

--
I genitori degli alunni hanno ignorato l’episodio – La sparata di Bussetti in tinta gialloverde
--
L’aggressione del professoressa di Vimercate, di cui abbiamo dato notizia in data 2 novembre u.s. (leggi: http://www.ceripnews.it/notizie.htm#03421-prof-aggredita ), ocupa le colonne dei giornali per le lamentele della prof ancora inferma e per la presa di posizione fuori misura del ministro Bussetti.
Il fatto è noto: lo scorso 30 ottobre la prof ha denunciato di essere stata colpita dal lancio di una sedia da parte degli studenti della classe in cui stava facendo lezione all’ I.P. Floriani di Vimercate, in provincia di Monza e Brianza.
Secondo la prof nessun genitori ha chiesto scusa per il gesto collettivo inconsulto, liquidato dagli studenti con una battuta che dee fare riflettere: “Abbiamo fatto un poco di casino …”.
Il ministro del MIUR, Marco Bussetti, ha condannato l’aggressione subita dall’insegnante ed ha annunciato di stare valutando la possibilità di costituire l’Amministrazione parte civile in caso di processo penale.
Una sparata bella grossa in piena sintonia con lo stile gialloverde, dato che il codice non prevede la costituzione di parte civile nel processo penale minorile.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03473-assemblee-e-autogestioni

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-07/11/2018-06:00
-

Assemblee e autogestioni

--
Effetto domino nelle scuole superiori
--
L’appuntamento del 16 novembre p.v. con lo sciopero degli studenti contro il governo Conte e la Manovra, non fa calare l’interesse degli studenti sulle occupazioni come protesta collettiva.
Dopo Roma, sono tante le scuole già a rischio occupazione e lo sciopero potrebbe segnare una svolta nella protesta che adesso appare ben definita: “Scendiamo in piazza assieme a tutti gli altri studenti d’Italia che lottano per il diritto allo studio, e insieme per realizzare un’opposizione chiara e netta contro il falso cambiamento messo in pratica dal governo”.
Le parole che si leggono nel comunicato spaziano da “razzismo” a “repressione” a “lotta per cambiare il modello di scuola”.
Sulla pratica illegale delle occupazioni quest’anno, a quanto pare, i presidi hanno deciso di rispondere con fermezza: chi non esiterà ad invocare lo sgombero, chi è pronto ad adottare punizioni quali il 6 in condotta e sospensioni che per gli studenti dell’ultimo anno rappresentano dei pericoli per l’ammissione agli esami di Stato.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03460-nuovi-docenti-in-cattadrea

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-06/11/2018-06:00
-

Nuovi docenti in cattedra per almeno 5 anni

--
Il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, in legge di Bilancio, ha apportato un deciso restyling all’attuale sistema di reclutamento
--

Il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, in legge di Bilancio, ha apportato un deciso restyling all’attuale sistema di reclutamento nelle scuole secondarie di primo e secondo grado (vale a dire, medie e superiori – infanzia e primaria sono escluse, alle prese anche con le procedure specifiche per assorbire i diplomati magistrali ante 2001/2002 e i laureati in scienze della formazione primaria).
Claudio Tucci sul quotidiano “Il Sole 24 Ore” parla di addio al «Fit», il percorso di formazione iniziale e tirocinio, di tre anni, richiesto, oggi, agli aspiranti professori di ruolo per salire in cattedra. Da domani, osserva Tucci nel suo articolo, chi supera un concorso ordinario nella scuola dovrà svolgere un solo anno di «formazione e prova». Superato questo periodo di “rodaggio” in classe si è «confermati in ruolo» con obbligo a rimanere nello stesso istituto «per almeno altri quattro anni» (in tutto, quindi, cinque anni, salvi i casi di sovrannumeri o esuberi – si ripristina un vincolo di permanenza medio-lungo a garanzia della continuità didattica a vantaggio degli studenti).
In sostanza, si torna al concorso abilitante: dalla prossima selezione a cattedra (ne dovrebbe essere bandita una nel 2019, e poi si annunciano bandi regolari ogni due anni) potranno partecipare tutti i laureati a patto di aver conseguito i 24 crediti (Cfu) nelle materie antro-psico-pedagogiche con scomparsa delle varie, e costose, abilitazioni, variamente denominate, Ssis, Tfa, Pas. A chi è già abilitato, anche in un’altra classe di concorso, non saranno richiesti i 24 Cfu.
Una persona potrà partecipare al massimo a quattro procedure concorsuali e per una sola classe di concorso. Questo significa, spiegano dal Miur, che per ogni edizione del concorso si potrà partecipare a una classe di concorso per la secondaria di primo grado, una per la secondaria di secondo grado, una per il sostegno nel primo grado e una per il sostegno nel secondo grado, quindi quattro in tutto. Non si potrà partecipare invece a più classi di concorso nello stesso grado di scuola. Il concorso per posti comuni resta strutturato su due scritti, che si superano con la votazione di sette decimi.
Cambia, un po’, l’orale: sarà un colloquio in cui verranno valutate, in particolare, conoscenze e competenze nelle discipline facenti parti la classe di concorso (per cui si concorre) e la lingua straniera, «almeno al livello B2». Per il sostegno gli scritti scendono da tre a uno (si darà peso a pedagogia speciale, didattica per l’inclusione scolastica e relative metodologie), accanto all’orale.
Si prova a mettere ordine, poi, al punteggio da attribuire ai titoli. A quelli accademici, scientifici e professionali non potranno essere riconosciuti più di 20 punti (oggi non c’è omogeneità). Saranno valorizzati, in particolare: dottorati di ricerca, abilitazione pregressa, superamento prove di un precedente concorso.

Novità anche per chi lavora nella scuola, almeno tre anni nel corso degli ultimi otto, e non ha l’abilitazione: per costoro (in pratica, i supplenti di terza fascia) dovrà essere prevista nel bando una riserva del 10% dei posti. Le graduatorie dei vincitori avranno validità biennale a decorrere dall’anno scolastico successivo a quello di approvazione. Perdono d’efficacia con la pubblicazione delle graduatorie del concorso successivo e comunque alla scadenza del biennio.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03461-contratto-bicolore

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-06/11/2018-06:00
-

Il "contratto" bicolore nega il buon senso

--
Tutti contro la regionalizzazione, ma il governo Conte va avanti lo stesso!
--

La regionalizzazione dell’Istruzione, richiesta dal Veneto e dalla Lombardia, potrebbe diventare presto realtà in quanto le proposte presentate rientrano in uno dei punti del Contratto di Governo Lega-M5S. Si tratta, dunque, di una questione prioritaria per l’Esecutivo, che si è proposto anche di portare rapidamente a termine le trattative già avviate, come appunto quella del Veneto.

La regionalizzazione si pone la finalità di trasferire le competenze dell’istruzione alla Regione, secondo quanto previsto dall’articolo 116 della Costituzione.

Con la regionalizzazione le regioni interessate potranno gestire autonomamente i concorsi, bandendoli solo a livello regionale, ed anche gli organici, aumentando il numero di docenti e ATA.

Potranno essere, inoltre, gestiti dalla Regione in cui si è assunti anche i possibili trasferimenti in altre Regioni, attraverso un meccanismo simile a quello del trasferimento all’interno della Pubblica Amministrazione, con finestre limitate.
Il tutto si consumerà impunemente mentre un sondaggio condotto dal sito OrizzonteScuola.it parla di un buon 83% contrario a spezzettare l’istruzione in forza dell’autonomia differenziata.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03462-alla-ricerca-educazione-civica

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-06/11/2018-06:00
-

Alla ricerca dell’Educazione Civica

--

Attivo al Comune di Catania un servizio di raccolta firme

--

Il quotidiano “La Sicilia” ha pubblicato nell’ultima di copertina di sabato 27 ottobre il manifesto promosso dall’ANCI per diffondere la notizia della raccolta firme perché la Camera dei Deputati approvi la proposta di legge popolare promossa dal Comune di Firenze e dall’ANCI per reintrodurre in tutte le scuole di ogni ordine e grado e come materia di studio autonoma e con voto l’Educazione Civica con il nome di “Educazione alla Cittadinanza”.
Tale proposta assume una rilevanza sociale di grande importanza per colmare un vuoto di conoscenze e di cultura che, purtroppo, in questi anni ha avuto il sopravvento.
La scuola, che prepara i cittadini di domani, ha il dovere di impartire un insegnamento strutturato e organico dei valori della Costituzione, dell’organizzazione dello Stato per far acquisire a tutti gli studenti il senso civico del rispetto, e del vivere in società, esercitando diritti e doveri.
In questi anni l’Educazione Civica, considerata come “cenerentola delle materie”, ha indossato il vestito della “trasversalità” nel girotondo delle “educazioni” stradale, ambientale, alla salute, alle pari opportunità, al bullismo, alla legalità, al gender, ma si constata che gli esiti di apprendimento e la modifica dei comportamenti civici, non sono avvenuti, come dimostrano i frequenti atti di violenza, di teppismo, i danni provocati persone e a cose appartenenti alla Comunità, le aggressioni ai docenti anche da parte di genitori.   Si registra una sempre crescente emergenza educativa e la mancanza di un insegnamento sistematico e critico delle norme del vivere civile, compreso il buon galateo e le buone maniere.§
I giovani crescono senza riferimenti forti di modelli, di principi, di segni e di comportamenti, anche perché non hanno ricevuto l’adeguata” istruzione” che la Costituzione “garantisce” per tutti.
Nella scuola di oggi l’insegnamento dell’Educazione Civica, anche sotto il nome di Cittadinanza e Costituzione, è subordinato al grado di sensibilità dei singoli docenti o dei dirigenti, alla disponibilità di tempo o al temporaneo svolgimento di un progetto di legalità, in occasione di ricorrenze storiche, di delitti efferati o delle stragi di mafia.
La proposta di legge popolare, lanciata dal Comune di Firenze e adottata dall’Anci, sollecita i Comuni ad effettuare entro febbraio una raccolta firme per sensibilizzare l’opinione pubblica e sollecitare il Parlamento all’approvazione di un segno concreto di vera civiltà.
Come ha già pubblicato “La Sicilia” i comuni di Acireale, San Michele di Ganzaria e Grammichele hanno accolto la proposta dell’Anci. 
Al Comune di Catania, presso l’ufficio del Sindaco e allo sportello URP“ Rapporti con il pubblico, è attivo un servizio di raccolta delle firme ed è auspicabile che la città di Catania, che ha dato i natali all’Educazione Civica presso il Castello Ursino nel febbraio del 1957 - in occasione di un convegno nazionale promosso dall’UCIIM - divenuta poi disciplina scolastica il 13 giugno del 1958, (DPR 136 n.585 a firma del Ministro dell’Istruzione on. Aldo Moro), sia tra le città italiane più attive in tale raccolta firme, espressione di democrazia attiva e responsabile. (giuseppe adernò)

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03440-osservazioni-ddlr-studio

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-05/11/2018-06:00
-

Osservazioni delle OO.SS. regionali della Sicilia al DdLR sul diritto allo studio

--
CGIL, CISL, UIL: “La relazione tecnica fa solo un’analisi parziale della situazione di fatto che nell’intenzione dichiarata, dovrebbe costituire, invece, la premessa e lo spirito del disegno di legge regionale”
--
Le OO.SS. FLC CGIL, CISL SCUOLA e UIL SCUOLA della Sicilia, in riscontro del DdLR sul “Diritto allo studio” predisposto dall’Assessorato regionale dell’Istruzione e della Formazione professionale, hanno avanzato alcune osservazioni che hanno consegnato nel corso dell’Audizione in V Commissione ella Regione Siciliana.
PER LEGGERE IL TESTO:  2018-11-05-diritto-allo-studio

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03441-edilizia-scolastica

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-05/11/2018-06:00
-

Edilizia scolastica finanziata con altri 250 milioni annui

--

Contributo a favore di Province e Regioni dal 2019 al 2033 

--

La Manovra prevede un contributo a favore delle Province delle Regioni a statuto ordinario di 250 milioni di euro annui per gli anni dal 2019 al 2033, finalizzato al finanziamento di piani di sicurezza a valenza triennale per la manutenzione di strade e scuole.
Il riparto del contributo è demandato a specifico decreto interministeriale, da adottare entro il 20 gennaio 2019, previa intesa in sede di Conferenza Stato-Città ed autonomie locali.
Per assicurare la realizzazione dei piani di sicurezza a valenza triennale per la manutenzione di strade e scuole, si prevede la finalizzazione delle facoltà assunzionali previste dalla
legge 205/2017 (legge di Bilancio 2017) al reclutamento di personale in possesso dei requisiti tecnico-professionali necessari per l’elaborazione e l’attuazione dei predetti piani di manutenzione.

Viene fissato anche un programma di monitoraggio degli interventi finanziati.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03442-in-breve

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-05/11/2018-06:00
-

In Breve

--
ATA ex CO.CO.CO., trasformazione contratto a tempo pieno dal 2019/2020 - Contratto area dirigenziale Istruzione e Ricerca - Nascono i «team» di educatori digitali  -  Costituzione Orchestra Scolastica Regionale Siciliana - Istruzione, la Sicilia firma il protocollo per l’offerta formativa post scolastica – Ancora offese ai prof
--

ATA ex CO.CO.CO., trasformazione contratto a tempo pieno dal 2019/2020

Secondo la bozza della legge di Bilancio, tra le diverse misure relative alla scuola, una riguarda gli ex CO.CO.CO. con trasformazione del contratto a tempo pieno dal 2019/2020 e lo scorrimento della graduatoria di merito.
---   ---   ---   ---   ---
Contratto area dirigenziale Istruzione e Ricerca

Il 15 novembre 2018 proseguiranno le trattative presso l’ARAN per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro dell’Area dirigenziale Istruzione e Ricerca per il triennio 2016-2018.
---   ---   ---   ---   ---
Nascono i «team» di educatori digitali 
Arriveranno tra il 2019 e il 2019 i prof educatori digitali.Tra le previsioni della manovra c’è infatti quella di costituire team di insegnanti per la formazione hi-tech del personale docente e degli studenti. La misura sarà finanziata con oltre 7 milioni di euro, recuperati dal taglio delle risorse per i laboratori scolastici previste dalla legge sulla Buona Scuola.
La previsione, si legge nella bozza, è quella di «esonerare dall’esercizio delle attività didattiche un numero massimo di 120 docenti», individuati dal Miur, per costituire squadre territoriali formative con il compito di «garantire la diffusione di azioni legate al Piano per la scuola digitale», ma anche per «per promuovere azioni di formazione del personale docente e di potenziamento delle competenze degli studenti sulle metodologie didattiche innovative».
---   ---   ---   ---   ---
Costituzione Orchestra Scolastica Regionale Siciliana
Entro le ore 12:00 del 16 novembre p.v. le scuole siciliana potranno segnalare un numero massimo di 5 eccellenze di strumento musicale / 8 se doppio corso (archi, fiati, chitarra, percussioni, pianoforte) per fare parte dell’Orchestra Scolastica Regionale Siciliana.
Le audizioni si svolgeranno presso l’Auditorium dell’I.C. Guarnaccia di Pietraperzia (En).
Per info e chiarimenti: Prof. Loibisio 3667086902.
---   ---   ---   ---   ---
Istruzione, la Sicilia firma il protocollo per l’offerta formativa post scolastica
È stato firmato l’accordo territoriale tra l’Ufficio Scolastico Regionale e l’Assessorato regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale per l’erogazione dell’offerta di IeFP in regime di sussidiarietà da parte delle istituzioni scolastiche, adottando i criteri recentemente definiti dal MIUR per i nuovi indirizzi degli istituti professionali per i percorsi di Istruzione e Formazione professionale (IeFP).
---   ---   ---   ---   ---
Ancora offese ai prof
In una scuola primaria del Varesotto, una mamma, pur se colpevole per il ritardo di oltre mezz’ora nel prelevare il figlio al termine delle lezioni ( e non era la prima volta!), a seguito delle lamentele dell’insegnante, ha pensato bene di aggredirla con insulti e sputi davanti ad altri alunni e genitori. La madre è stata denunciata, ma quello che preoccupa maggiormente è l’escalation di violenza che non tende a diminuire, anzi le cose sembrano peggiorare. E siamo solo all’inizio dell’anno scolastico.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03430-cambia-alternanza-arrivano-tagli

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-03/11/2018-06:00
-

Cambia l’alternanza scuola lavoro e arrivano i tagli

--

Cambia pure il nome che diventa: “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento” - Oltre alle ore si tagliano più della metà anche i fondi (-56,5 milioni di euro)

--

Cambia l’alternanza scuola lavoro
Cambia pure il nome che diventa: “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento”
Nella bozza della Legge di Bilancio sono presenti alcune modifiche al progetto di “Alternanza scuola lavoro” che ha provocato nella scuola notevoli disagi organizzativi, ed in alcune regioni è stato un progetto formativo di eccezionale importanza per diffondere tra i giovani la cultura del lavoro e l’incontro con l’esperienza lavorativa.
Il primo cambiamento riguarda il nome e le attività si chiameranno: “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento”, descrivendo nel concreto quello che gli studenti svolgono a scuola anche attraverso esperienze di aziende simulate.
Si tratta, infatti, di percorsi di orientamento e di sviluppo delle competenze trasversali che dovrebbero contribuire alla maturazione della settima competenza europea che promuove il “senso d’iniziativa e d’imprenditorialità”.
Viene modificata anche la durata del progetto che si rende flessibile e adattato al contesto territoriale e alle esigenze autonome dell’Istituzione scolastico, prevedendo un calcolo non di giorni ma di ore. 
I percorsi sono differenziati per tipologia di corso di studio e per durata:
a) non inferiore a 180 ore negli istituti professionali
b) non inferiore a 150 ore negli istituti tecnici;
c) non inferiore a 90 ore nei licei.
Tali modifiche non dovrebbero far disperdere il ricco patrimonio professionale e culturale che ha accompagnato lo svolgimento di tal esperienza formativa per i docenti referenti e tutor interni e per gli stessi alunni che ne hanno beneficiato. L’incontro con la “cultura d’impresa” è stato un momento di ricchezza per la scuola, un’opportunità di dialogo e di confronto nella ricerca del bene sociale.
Molte esperienze ben organizzate e adeguatamente strutturate hanno offerto ai giovani studenti preziose opportunità di crescita e di maturazione umana e culturale; molti studenti hanno aperto gli occhi ed hanno avuto l’opportunità di osservare il mondo del lavoro con occhi nuovi e con un atteggiamento d’impegno e di responsabilità.
Il ridimensionamento delle ore non vanifica la qualità dell’esperienza, ma rimane pur sempre una positiva e fruttuosa integrazione del curricolo formativo dello studente ed anche senza ulteriori forzature, ben inserito nel percorso di studio favorisce, come recita la nuova formula, lo sviluppo di “competenze trasversali” ed offre positiva guida di “orientamento” nella scelta del successivo percorso di studi universitari nella prospettiva della professione del domani.
Il disegno del PECUP (Profilo educativo culturale e professionale) che ha guidato la riforma della scuola negli anni Ottanta, secondo l’originario progetto Bertagna, prende sempre maggiore consistenza se vengono salvaguardate le dimensioni educative che pongono al centro lo studente protagonista attivo nell’apprendimento del sapere, del saper fare e del saper essere; la valenza culturale della scuola che offre i sui contributi di discipline, materie, contenuti non come fine, ma per lo sviluppo della personalità di ciascuno in vista della realizzazione professionale e del domani lavorativo di tutti e di ciascuno.
(giuseppe adernò)
* * * * *
La beffa sull’alternanza
Oltre alle ore si tagliano più della metà anche i fondi (-56,5 milioni di euro)
Sulla alternanza interviene anche Claudio Tucci su “Il Sole 24 Ore” sottolineando che oltre lle ore si tagliano i fondi. Di seguito l’articolo.
“”” La legge di Bilancio 2019 conferma il giro di vite sull’alternanza scuola lavoro. L’orario complessivo da destinare obbligatoriamente ai percorsi per le competenze trasversali (precedentemente di alternanza scuola-lavoro) nelle tre classi terminali dei corsi di studio della scuola secondaria di secondo grado:
– negli istituti professionali, da 400 ore nel triennio, a non meno di 180;
– negli istituti tecnici, da 400 ore nel triennio, a non meno di 150;
– nei licei, da 200 ore nel triennio, a non meno di 90.
Inoltre, si prevede che le risorse finanziarie stanziate a copertura delle spese sostenute dalle scuole per i percorsi di alternanza, compresi gli oneri di funzionamento ivi compresi quelli derivanti da spese aggiuntive destinate al personale, siano assegnate in ragione di tale orario minimo. Le scuole potranno svolgere i percorsi anche per un numero di ore superiore, purché nel limite delle risorse così assegnate oppure reperendo diversamente i necessari fondi.
Pertanto, la norma comporta un risparmio di spesa, in considerazione della riduzione delle ore finanziate a carico dello Stato. Il numero di studenti ai quali si applica l’obbligo di frequenza dei percorsi d’alternanza, nell’a.s. 2017/2018, è il seguente:
– professionali: 291.061
– tecnici: 471.155
– licei:658.734
Moltiplicando tali consistenze per i nuovi orari, a rapporto con i precedenti, si riscontra una riduzione del 58,23 per cento nelle ore da finanziare, con conseguente riduzione nel fabbisogno di spesa di 56,52 milioni di euro a decorrere dall’anno scolastico 2018/2019 (su uno stanziamento di 97,05 milioni a regime). Ciò corrisponde a una riduzione di spesa di 56,52 milioni a decorrere dal 2019, tenuto conto che le risorse stanziate per il periodo settembre-dicembre 2018 sono state già erogate.
”””

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03419-cosa-dice-manovra

-
CERIPNEWS NOTIZIE XVIII-02/11/2018-10:00
-

Cosa dice la Manovra

--
Presentiamo alcune novità che interessano il personale della scuola previste nella legge di Bilancio
--
Nel triennio delle superiori si passa dalle 400 ore previste per gli istituti tecnici e professionali alle attuali 150 ore per i tecnici e 180 per i professionali, per i licei la riduzione è da 200 a 90 ore. Cambia anche il reclutamento. Arrivano le èquipe per la scuola digitale.
Nel testo aumento lo stanziamento per il rinnovo del contratto degli statali per un totale di 4,2 miliardi (1,1 mld nel 2019, 1,425 nel 2020, 1,775 nel 2021). In attesa del rinnovo del contatto gli statali nel 2019 avranno una indennità di vacanza contrattuale pari allo 0,42% dal 1° aprile che diventa lo 0,7% dello stipendio, escluso il salario accessorio, anzianità, ecc., dal 1° luglio.
Arrivata una tassa agevolata per le lezioni private se impartite da docenti titolari di cattedra di ogni ordine e grado. Su questi redditi si dovrà pagare una imposta del 15% sostitutiva dell’Irpef e addizionali regionali e comunali.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03420-lezione-mattarella

-
CERIPNEWS  NOTIZIE XVIII-02/11/2018-10:00
-

La lezione di Mattarella

--
La libertà di stampa è irrinunciabile
--
Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è tornato a difendere l’informazione affermando che il diritto di parola, il diritto di informare e di essere informati, la libertà di opinione , il pluralismo, sono condizioni imprescindibili per un Paese civile, come si afferma nella nostra Costituzione; inoltre la centralità della libertà d’informazione è presidio della democrazia.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
03421-prof-aggredita

-
CERIPNEWS  NOTIZIE XVIII-02/11/2018-10:00
-

Prof aggredita in Brianza

--
Continuano le violenze nelle classi
--
Un’insegnante di italiano e storia in un istituto superiore di Vimercate, in Brianza, è stata aggredita in classe, durante la lezione, con un lancio di sedie. Il dirigente scolastico ha chiamato i carabinieri che hanno raccolto la denuncia della prof che è stata anche accompagnata al pronto soccorso dove le hanno dato cinque giorni di prognosi. Le indagini finora non hanno fatto emergere alcun colpevole di conseguenza il consiglio di istituto valuterà provvedimenti per tutta la classe.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -

 In caso di riproduzione    
totale o parziale dell'Agenzia,     è obbligatorio citare la fonte

 CERIPNEWS ® è un dominio 
        registrato (Italian Network 
        Information Center)

  Testata registrata presso 
     il Tribunale di Palermo 
    il  26/10/2001 al n° 23/2001