-

-

-

CERIPNEWS ®   
Gli eventi scolastici più rilevanti pubblicati nella Testata
ARCHIVIO
IN EVIDENZA

- -
- -

-

-

-

--
01154-esami-stato-plico-telematico

- -
CERIPNEWS IN EVIDENZA  XVIII-30/04/2018-06:00
--

Esami di Stato, gestione del plico telematico

-
Diramate le istruzioni operative inerenti alla trasmissione delle prove scritte
degli esami di Stato per l’a.s. 2017/2018
-

Il Miur ha diramato le istruzioni operative inerenti alla trasmissione delle prove scritte degli esami di Stato per l’anno scolastico 2017/2018.  Entro il 31 maggio (data improrogabile) è necessario procedere alla nomina dei Referenti di sede abilitati a gestire il plico telematico.
Anche quest'anno la trasmissione dei plichi contenenti le prove scritte d’esame avverrà per via telematica. Affinché il Plico telematico possa essere fruito nei modi e nei tempi stabiliti, ogni istituzione scolastica, che sia sede di una o più commissioni, individui e comunichi al Miur, tramite SIDI, tanti referenti quante sono le sedi scolastiche in cui si svolgono fisicamente gli esami.
I referenti sono scelti dal dirigente scolastico tra il personale docente e/o non docente con contratto a tempo indeterminato o determinato di durata annuale, che sia in possesso di basilari competenze informatiche.
Il personale individuato,  se non dispone di credenziali per l’accesso all’Area riservata del portale del Miur, dovrà
effettuare la   registrazione  al link  https://iam.pubblica.istruzione.it/iam-ssum/registrazione/step1?lang=it.
In seguito, i Dirigenti Scolastici e i Referenti della Sicurezza degli Uffici Territoriali possono procedere all’abilitazione, accedendo al portale SIDI e selezionando la funzione Gestione Utenze - Referenti Plico telematico, già disponibile dal 26 aprile 2018.
Il referente di sede accede ad apposita funzione, disponibile sul SIDI (area Esami di Stato e di Abilitazione alla Libera Professione - Plico Telematico – Download), che permette di scaricare il “Plico telematico” contenente le prove d’esame criptate relative alla commissione o alle commissioni operanti presso tutte le sedi d’esame dell’Istituzione scolastica di cui sono stati nominati i referenti.
Tramite tale funzione saranno forniti al referente un Codice Utente e una Password, da conservare, e da utilizzare ogni volta all’atto dell’apertura dell’applicazione “Plico telematico”. Per decifrare il contenuto del Plico telematico sarà necessaria un’ulteriore chiave, detta Chiave Ministero, distinta tra prima, seconda e quarta prova, resa disponibile solo la mattina della relativa prova scritta. L’inserimento della suddetta Chiave permetterà l’apertura e la corretta visualizzazione della prova selezionata.
Essendo il Plico Telematico a livello di istituzione scolastica, nel caso in cui siano presenti più sedi scolastiche facenti capo alla stessa Istituzione, prima di procedere alla scelta della prova, si rende necessario selezionare la sede scolastica d’interesse e la relativa commissione, per poi procedere alla selezione, alla visualizzazione e quindi alla stampa della prova.
Per la prima prova scritta, se non ci sono prove speciali, l’applicazione presenta una sola opzione (es. P000 – Italiano). La seconda prova potrebbe invece differire, in caso di commissioni con classi che seguono diversi indirizzi di studio.
Gli UU.SS.RR. mettono a disposizione come di consueto i nuclei tecnici di supporto ai Dirigenti scolastici e ai Referenti di sede. Il Ministero, a sua volta, fornirà successivamente le istruzioni con i riferimenti per supportare i predetti nuclei durante le fasi operative del processo.

--

--

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
--
01145-nuovi-adempimenti-privacy

- -
CERIPNEWS IN EVIDENZA  XVIII-28/04/2018-06:00
--

I nuovi  adempimenti sulla privacy

-
Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola chiedono un incontro urgente al Miur
-

Le organizzazioni sindacali Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola hanno chiesto uno specifico e urgente incontro in merito all’applicazione del Regolamento europeo sulla Privacy (RGPD) che a partire dal 25 maggio 2018 obbliga tutte le pubbliche amministrazioni, comprese le istituzioni scolastiche, a rivedere la complessa e delicata materia della protezione dei dati personali attraverso una serie di adempimenti obbligatori finalizzati ad implementare la sicurezza dei dati sulla base del principio della responsabilizzazione (accountability) dei soggetti titolari del trattamento.
Occorre pertanto che l’Amministrazione fornisca ai dirigenti scolastici tutte le indicazioni necessarie a individuare entro la su indicata data gli adempimenti effettivamente posti a loro carico; in particolare, la valutazione di impatto e la designazione del “responsabile della protezione dei dati” (DPO).

PER LEGGERE E/O SCARICARE IL PDF:  2018-04-28-incontro-privacy

--

--

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
--
01136-il-bimbo-ritrovato

- -
CERIPNEWS  IN EVIDENZA  XVIII-27/04/2018-06:00
--

Il bimbo ritrovato

-
La scoperta, a Pompei, ha commosso il mondo
-
Un bambino solo, spaventato, ucciso dal Vesuvio che erutta fuoco sulla valle della Pompei del 79 dopo Cristo e che sterminato un popolo.
È l'ultima tenera e terrificante immagine che riemerge dalla storia durante gli scavi ripresi nel famoso parco archeologico.
I resti della piccola vittima della grande eruzione che coprì l'antica città romana sono stati trovati durante la pulizia di un ambiente di ingresso delle Terme Centrali.
Ma quel bambino solo nelle Terme Centrali solleva tante domande: perché si trovava in quel luogo senza un accompagnatore?
Lo scheletro è stato rimosso e trasferito al Laboratorio di ricerche applicate del Parco Archeologico. La peculiarità del ritrovamento è che lo scheletro è immerso nel flusso piroclastico (mix di gas e materiale vulcanico).
Normalmente nella stratigrafia dell'eruzione del 79 d.C. è presente nel livello più basso il lapillo e poi la cenere che sigilla tutto. In questo caso si doveva trattare di un ambiente chiuso dove il lapillo non è riuscito ad entrare né a provocare il crollo dei tetti, mentre è penetrato direttamente il flusso piroclastico dalle finestre, nella fase finale dell'eruzione.
[FONTE:  R.C. in “La Gazzetta del Mezzogiorno” del 26 aprile 2018, pag. 26)

--

--

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
--
01122-dirigenti-scolastici

- -
CERIPNEWS IN EVIDENZA  XVIII-26/04/2018-06:00
--

Dirigenti scolastici: si apre il tavolo contrattuale

-
Il tavolo negoziale è stato fissato per lunedì 14 maggio
-
Per i Dirigenti appartenenti alla scuola, università e ricerca l’appuntamento per l’apertura del tavolo negoziale è stata fissato per lunedì 14 maggio. Si tratta di 7.700 ed in larghissima prevalenza si tratta di Dirigenti a capo di istituti scolastici.

--

--

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
--
01123-settimana-musica

- -
CERIPNEWS IN EVIDENZA   XVIII-26/04/2018-06:00
--

Settimana nazionale della musica a scuola

-

Gli istituti scolastici di tutta Italia, dal 7 al 12 maggio prossimi, potranno aprire le loro porte per una settimana di concerti, esibizioni, improvvisazioni musicali, incontri con esperti con l’obiettivo di sostenere la pratica musicale per la sua valenza formativa ed educativa

-
Si terrà dal 7 al 12 maggio p.v. la Settimana nazionale della musica a scuola. Anche quest’anno ritorna l’ormai tradizionale appuntamento promosso dal Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della Musica per tutti gli studenti del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, presieduto dal prof. Luigi Berlinguer. Gli istituti scolastici di tutta Italia potranno aprire le loro porte per una settimana di concerti, esibizioni, improvvisazioni musicali, incontri con esperti con l’obiettivo di sostenere la pratica musicale per la sua valenza formativa ed educativa.
Nel corso di questa settimana le scuole avranno l’occasione di testimoniare l'importanza delle attività musicali che hanno realizzato durante l'intero anno scolastico e che, dunque, non si risolvono nell’occasione straordinaria dell’esibizione programmata per la "Settimana della musica", ma trovano in questo appuntamento il punto di approdo di ordinari percorsi di apprendimento

--

--

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
--
01102-allarme-istruzione

- -
CERIPNEWS IN EVIDENZA  XVIII-24/04/2018-06:00
--

Allarme istruzione: lascia la scuola uno straniero su tre

-
Sono 826mila gli studenti non italiani; alle superiori il 59% ha un anno di ritardo
-
Mentre gli alunni italiani diminuiscono quelli stranieri continuano a crescere: sono ormai 826mila, pari al 9,4% del totale, ma l'obiettivo di una piena integrazione è ancora lontano!
Come dimostrano i numeri del Miur, un 18enne su tre lascia gli studi prima del tempo, quasi il triplo degli italiani.
Ma l'emergenza è anche il profitto: alle superiori i159% degli alunni di cittadinanza straniera risulta indietro di almeno un anno. Un divario che in realtà si manifesta presto visto che il loro tasso di scolarità, nella fascia 3-5anni, è del 77% contro il 90% dei bambini nati in Italia.

--

--

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
--
01073-algoritmo-mobilita-ko

- -
CERIPNEWS IN EVIDENZA  XVIII-23/04/2018-06:00
--

Algoritmo mobilità ko, ancora una volta!

-
Il Giudice del Lavoro di Bergamo condanna il Miur alle spese di giudizio
e ordina l’assegnazione di una docente nell’ambito territoriale richiesto
-
Ormai, almeno noi siamo stanchi si riportare sempre le stesse notizie sull’algoritmo farlocco; invece non sembra essere stanco il Miur di perdere le cause, ripristinare il diritto dall’anno della lesione e pagare anche le spese!
Stavolta sulla questione mobilità, con le varie fasi sballate, è intervenuto il
Tribunale di Bergamo che ha accolto il ricorso presentato da una docente che si era vista negare il trasferimento in un ambito territoriale in provincia di Lecce perché scavalcata da colleghi con punteggio notevolmente inferiore al suo.
Il Miur,
costituitosi in giudizio, aveva rivendicato la legittimità del proprio operato, ma il Giudice del Lavoro di Bergamo ha sentenziato diversamente: ha disposto di assegnare la docente nell’ambito territoriale Puglia 0020 in provincia di Lecce sin dall’a.s. 2016/2017 e condannando il Miur a pagare le spese di giudizio.

--

--

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
--
01050-settemila-presidi-senza-contratto

- -
CERIPNEWS IN EVIDENZA  XVIII-21/04/2018-06:00
--

Settemila presidi in attesa di contratto

-
L’Atto di indirizzo ancora fermo al Mef
-
Definita, almeno per ora, la questione contrattuale per 1,2 milioni di lavoratori dell'istruzione, i 7mila presidi sono ancora in attesa degli adeguamenti stipendiali previsti dalla legge di bilancio: 350 euro mensili da qui al 2020.
L'Atto di indirizzo integrativo che dovrebbe dare il via al negoziato per l'integrazione economica dei dirigenti scolastici è ancora fermo al Mef e non è detto che tale lunga giacenza non sia per effetto della mancanza di un Esecutivo con pieni poteri!
In ballo ci sono le risorse stanziate dalla scorsa legge di Bilancio per armonizzare progressivamente la retribuzione di posizione di parte fissa a quella prevista per le altre figure dirigenziali del comparto Istruzione e Ricerca, circa 37 milioni di euro per il 2018, 41 milioni per il 2019 e 96 milioni per il 2020 che toccherà alla contrattazione collettiva distribuire insieme alla dote prevista a suo tempo dalla Buona Scuola: 46 milioni per il 2016 e 14 milioni per il 2017 da corrispondere a titolo di retribuzione di risultato una tantum.

--

--

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
--
01039-sciopero-della-fame

- -
CERIPNEWS IN EVIDENZA  XVIII-20/04/2018-06:00
--

Sciopero della fame degli insegnanti col diploma magistrale

-
Cresce la protesta per chiedere il riconoscimento del titolo di studio conseguito legittimamente
-
Le maestre e i maestri con diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002, legittimamente riconosciuto abilitante a tutti gli effetti, hanno scelto la strada dello sciopero della fame perché a giugno rischiano il licenziamento.
Ad annunciarlo è la coordinatrice nazionale, la maestra braidese Carla Traverso, spiegando che sabato 28 aprile p.v. hanno indetto uno sciopero della fame e un presidio permanente di fronte al Ministero dell'Istruzione a Roma, a cui andrà ad aggiungersi lo sciopero nazionale proclamato per il 2 e 3 maggio.
I diplomati magistrali non chiedono privilegi, ma solo il riconoscimento di un loro diritto all'insegnamento, negato dalla sentenza emessa nell'Adunanza plenaria del Consiglio di Stato nel dicembre 2017 che non riconosce più come abilitante il loro titolo di studio e che, per il loro futuro, prevede solo più la possibilità di entrare nella scuola come supplenti.
Dopo anni, e tanto servizio prestato allo Stato, con la sentenza sopra richiamata, circa 55mila docenti in tutta Italia rischiano di vedersi togliere ogni prospettiva di continuare il proprio lavoro! Ed anche se il verdetto di Palazzo Spada può avere effetto solo parziale in attesa delle tante sentenze di merito, in ogni caso la questione va risolta in chiave politica con il nuovo Esecutivo, se e quando sarà in carica.

--

--

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
--
01013-scuole-europee

- -
CERIPNEWS IN EVIDENZA  XVIII-19/04/2018-06:00
--

Scuole europee col “bollino” eTwinning

-

L’Italia ne conquista 224, un record in tutta l’Unione

-

Sono 224 gli istituti scolastici italiani su 1.211 europei premiati da Bruxelles con il nuovo titolo di “Scuola eTwinning”. Un record in tutta l’Unione. La procedura di candidatura per il Certificato è iniziata a dicembre 2017 e si è chiusa a marzo 2018.

PER LEGGERE E/O SCARICARE L’ELENCO DELLE SCUOLE ITALIANE:  19-04-18-bollino

--

--

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
--
0994-tfr-pagato

- -
CERIPNEWS IN EVIDENZA   XVIII-18/04/2018-06:00
--

Il TFR va pagato in tempi brevi

-

Il Tribunale di Roma accoglie il ricorso di una dipendente pubblica

-
Sarà la Corte Costituzionale a decidere se i dipendenti pubblici torneranno a ricevere il TFR nei tempi adeguati stante il fatto che per essi i tempi di attesa stanno diventando sempre più lunghi e variano anche a seconda della causa della fine del rapporto lavorativo, mentre ciò non avviene le settore privato.
Come è noto, il TFR viene pagato entro 105 giorni: se il rapporto di lavoro è cessato per inabilità o decesso; dopo 1 anno: se il rapporto di lavoro è cessato per il pensionamento e raggiungimento dei requisiti di servizio o età; dopo 2 anni: se il rapporto di lavoro è cessato per dimissioni volontarie, licenziamento o destituzione.
Per quanto riguarda i lavoratori collocati in quiescenza c’è un’ulteriore precisazione da fare: questi hanno diritto al TFR dopo 12 mesi solamente quando il trattamento pensionistico è senza penalizzazioni. In caso contrario la liquidazione viene pagata dopo 24 mesi.
Per i dipendenti privati, invece, il TFR viene corrisposto dopo un massimo di 45 giorni.
La colpa di tale disomogeneità di trattamento risale al decreto Salva Italia, approvato nel 2011 dal Governo Monti, ma adesso il Tribunale del Lavoro di Roma ha ravvisato gli estremi di incostituzionalità per il decreto ed ha inviato gli atti alla Corte Costituzionale per avere un verdetto definitivo in favore dei dipendenti pubblici.
Il ricorso è stato presentato da una dipendente del Ministero della Giustizia contro l’INPS, che ha pagato la liquidazione dopo 27 mesi. Il Tribunale di Roma ha accolto il suo ricorso dichiarando che le misure introdotte per far fronte alla crisi economica del Paese non possono essere “permanenti e definitive”, ma devono essere abrogate una volta passato il periodo critico.
Secondo i giudici, il TFR va retribuito in tempi brevi perché il lavoratore “specie se in età avanzata, in molti casi si propone, proprio attraverso l’integrale ed immediata percezione del trattamento, di recuperare una somma già spesa o in via di erogazione per le principali necessità di vita ovvero di fronteggiare in modo definitivo impegni finanziari già assunti”.
[FONTE: OrizzonteScuola – www.orizzontescuola.it ]

--

--

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
--
0973-diplomati-magistrali

- -
CERIPNEWS IN EVIDENZA  XVIII-17/04/2018-06:00
--

Diplomati magistrali, ricorso in Cassazione e al Consiglio d’Europa

-
L’Anief impugna la sentenza del CdS emessa nell’Adunanza Plenaria dello scorso 20 dicembre 2017 / Sciopero proclamato per il 2 e 3 maggio p.v. da Anief e Saese
-
L’Anief ha impugnato davanti alla Corte di Cassazione la sentenza n. 11 dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato dello scorso 20 dicembre 2017 che ha messo fuori dalle GaE i maestri con diploma magistrale ed ha già depositato il ricorso a Strasburgo.
I legali dell’Anief  hanno inoltre evidenziato linosservanza delle indicazioni degli articoli 6 e 13 della Cedu, dell’art. 1 del protocollo 1 alla Convenzione, nonché degli articoli 47 e 52 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, poiché il Consiglio di Stato non ha offerto ai ricorrenti una tutela effettiva e sufficiente contro eccepiscono anche l’arbitrio della PA., che ha potuto impunemente riassumere a termine i ricorrenti per quasi un ventennio e precludere loro l’accesso alle GaE nonostante ben 7 sentenze della VI Sezione del Consiglio di Stato avessero accertato l’illegittimità della loro esclusione dalla GaE stesse.
Questa nuova azione legale permetterà di chiedere la sospensione dei processi e il congelamento delle posizioni di 50 mila maestre e maestri che insegnano nelle nostre scuole da anni, in attesa di una risposta della politica sulla richiesta della riapertura delle GaE.
Per dare più forza alla protesta degli insegnanti sono stati programmati due giorni di sciopero per il 2 e 3 maggio p.v. da parte dell'Associazione nazionale insegnanti e formatori (Anief) e dal Sindacato autonomo europeo scuola ed ecologia (Saese).

--

--

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
--
0963-contratto-scuola

- -
CERIPNEWS IN EVIDENZA  XVIII-16/04/2018-06:00
--

Contratto scuola: manca ancora la firma

-

Aumenti e arretrati forse a maggio, ma solo se tutto andrà bene!

-

Tarda ad arrivare la firma definitiva per il contratto di Scuola, Afam, Ricerca e Università perché non arriva il visto della Corte dei Conti. A questo punto appare ormai scontato che docenti e Ata vedranno aumenti e arretrati forse con lo stipendio di maggio, ma solo se tutto andrà bene, e sempre che l’intera procedura di vidimazione si concluda al più tardi entro la prima decade di maggio (oltre quella data NoiPa potrebbe non riuscire ad allineare lo stipendio di maggio alle nuove tabelle contrattuali).

--

--

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -

 In caso di riproduzione    
totale o parziale dell'Agenzia,     è obbligatorio citare la fonte

CERIPNEWS ®  è un dominio 
        registrato (Italian Network 
        Information Center)

  Testata registrata presso 
     il Tribunale di Palermo 
    il  26/10/2001 al n° 23/2001