-

-

-

CERIPNEWS ®   
Gli eventi scolastici più rilevanti pubblicati nella Testata
ARCHIVIO
IN EVIDENZA

- -
- -

-

-

-

-
-
02859-cattedre-supplenze-annuali-regione-sicilia

-
CERIPNEWS  IN EVIDENZA  XVIII-15/09/2018-06:00
-

Cattedre per supplenze annuali scuole regionali Sicilia

--
Il Decreto prot. n. 63630 del 13/09/2018
--
Il Dipartimento dell’istruzione e della formazione professionale dell’Assessorato dell’istruzione e della formazione professionale della Regione Sicilia – Servizio scuole non statali, con decreto prot. n. 63630 del 13/09/2018 ha pubblicato la disponibilità cattedre, posti per il conferimento delle supplenze annuali con contratto di lavoro a tempo determinano al personale docente non di ruolo per l’anno scolastico 2018/2019.
PER LEGGERE IL PROVVEDIMENTO:  2018-09-15-decreto-cattedre.pdf

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02849-sicilia-graduatoria-regionale-irc

-
CERIPNEWS  IN EVIDENZA  XVIII-14/09/2018-06:00
-

Sicilia, graduatoria regionale IRC

--
Il decreto del Direttore Generale Regionale
--
Il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia, dott.ssa Maria Luisa Altomonte, ha formalizzato il decreto relativo alla graduatoria regionale, articolata per ambiti territoriali diocesani, degli IRC, allo scopo di individuare il personale eventualmente in soprannumero sull’organico 2018/2019.
PER LEGGERE LA GRADUATORIA:  2018-09-14-graduatoria-regionale-irc

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02833-bando-universita-palermo

-
CERIPNEWS  IN EVIDENZA XVIII-13/09/2018-06:00
-

Bando Università di Palermo

--
Esonero parziale per docenti in servizio nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria
--
Pubblichiamo il Bando di concorso per l’accesso alla graduatoria dei docenti in servizio nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria da utilizzare in posizione di esonero parziale per lo svolgimento dei compiti di tutor coordinatore di cui all’art. 11, co. 2 e art. 9, co. 4 del D.M. n. 249 del 10/09/2010, presso il Corso di Laurea magistrale in Scienze della Formazione Primaria (LM-85 bis) dell’Università agli Studi di Palermo.
PER LEGGERE IL BANDO:  2018-09-13-bando-semiesonero

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02815-siti-scolastici

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-12/09/2018-06:00
-

Siti scolastici, dal 20 settembre passaggio da dominio gov.it a edu.it

--

Registrazione senza oneri dal 20 settembre 2018 al 19 ottobre 2019

--

La determina n. 36/2018 emanata dall’Agenzia per l’Italia Digitale prevede che il dominio GOV.IT sia assegnato alle sole Amministrazioni centrali dello Stato, come già avviene in ambito internazionale, mentre per le istituzioni scolastiche si dovrà utilizzare il dominio EDU.it.

Nello spazio web del MIUR si legge che dal 20 settembre 2018 tutte le scuole italiane di ogni ordine e grado, statali e non statali, potranno registrare il loro nome a dominio edu.it.

Se la scuola effettuerà la registrazione nel primo anno (dal 20 settembre 2018 al 19 ottobre 2019)
* potrà mantenere lo stesso terzo livello del nome (es. il liceomanzoni.gov.it potrà diventare liceomanzoni.edu.it). In questo arco di tempo i nomi a dominio delle scuole già registrate, con estensione gov.it, verranno riservati nell’SLD (Second Level Domain) edu.it;
* non avrà costi per la registrazione dei nomi a dominio edu.it.
* oltre il 20 ottobre 2019, invece, i nomi non ancora registrati torneranno a essere disponibili e saranno assegnati secondo l’ordine cronologico di arrivo delle richieste.

Le istituzioni scolastiche con dominio GOV.IT potranno mantenerlo fino alla naturale scadenza del contratto di canone con il proprio gestore ed eccezionalmente anche nel caso in cui questo superi la scadenza prevista dalla determina AgID.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02805-rivolta-docenti-contro-ex-iena

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-11/09/2018-06:00
-

Rivolta dei docenti contro l’ex "Iena"

--
Lettera di protesta pronta per il ministro Bussetti e il sottosegretario Fioramonti
--
I docenti universitari si rivoltano contro l’ex “Iena” assurto a ruolo di “controllore” dei concorsi universitari e forse altro ancora, e con una lettera pronta per essere spedita al ministro Bussetti e al sottosegretario Fioramonti, che lo ha designato, bollano Dino Giarrusso e «chiedono al ministro di ritirare quella nomina così evidentemente incongrua», come spiega Paolo D'Angelo, direttore del Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo dell'ateneo Roma Tre e membro del Cun, il Consiglio universitario nazionale.
Il prof D’Angelo si chiede «come si può dare l'incarico di "controllore" dell'università a un signore che non ha alcun merito culturale, ma è noto unicamente per una peraltro discussa notorietà mediatica? E una umiliazione gratuita a chi nell'università insegna e fa ricerca».
Sul piede di guerra, oltre alla Consulta di Filosofia, ci sarebbero diverse altre società scientifiche. Perché in discussione non è tanto l'Osservatorio sui concorsi, che dovrebbe "moralizzare" l'università, ma il curriculum di chi dei concorsi dovrebbe occuparsi, cioè Dino Giarrusso, con laurea in Scienza delle Comunicazione, autore televisivo, notissima "Iena", candidato e non eletto con il Movimento Cinque Stelle, ma rientrato nel "parterre" politico come collaboratore particolare del sottosegretario all'Istruzione Fioramonti con l'incarico di trasformarsi in cacciatore di frodi nell'intricatissimo sistema delle cattedre universitarie.
Aggiunge il prof. Paolo D'Angelo: «II messaggio che il Governo sta mandando al Paese è gravissimo. Affidare a un incompetente il controllo dei competenti. Pensate alle campagne mediatiche di Giarrusso contro i vaccini, ai suoi scontri con Roberto Burioni, alle fantasiose cure anticancro che la sua trasmissione ha sostenuto. Ebbene, come può chi mostra un atteggiamento così antiscientifico vigilare sulla correttezza, ad esempio, di un concorso di immunologia?».
Al MIUR, in nome del leit motiv della trasparenza, la caccia ai concorsi truccati sembra essere una priorità.Il sottosegretario Fioramonti ha affermato di aver ricevuto in due mesi trenta segnalazioni di prove sospette, ma per buona parte del mondo accademico però quella nomina continua a suonare più o meno come uno schiaffo. Dice il professor D'Angelo: «Nella lettera chiederemo al ministro Bussetti di prendere posizione sul ruolo di Giarrusso. Qui non è in gioco l'autostima dei "baroni", ma qualcosa di infinitamente più importante: la scienza e la cultura del Paese».

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02788-regione-siciliana-dimensionamento

-
CERIPNEWS  IN EVIDENZA XVIII-10/09/2018-06:00
-

Regione Siciliana, criteri sul piano di dimensionamento

--
D.A. n. 3955 del 07 settembre 2018 che rettifica e sostituisce il D.A. n. 23000 del 01/06/2018
--
L’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale della Regione Siciliana, prof. Roberto Lagalla, con D.A. n. 3955 del 07/09/2018 ha dettato i criteri a cui dovranno attenersi le Conferenze provinciali nella predisposizione della proposta di ciascun piano di dimensionamento e razionalizzazione provinciale della rete scolastica di ogni ordine e grado per l’anno scolastico 2019/2020 che rettifica e sostituisce il D.A. n. 2300 del 01/06/2018.
PER LEGGERE IL DECRETO: 2018-09-10-dimensionamento

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02772-eilizia-scolastica

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-08/09/2018-06:00
-

Edilizia scolastica, un miliardo per l'adeguamento antisismico

--
Previsti tempi più rapidi per assegnare le risorse agli Enti locali
--
Siglato l'accordo sull'edilizia scolastica, promosso dal ministro dell'Istruzione, Marco Bussetti, in collaborazione con la responsabile per gli Affari Regionali, Erika Stefani.
Svolta sull'edilizia scolastica, tempi più rapidi per assegnare le risorse agli Enti locali e sblocco di un primo miliardo per l'antisismica.
Inoltre, è previsto l'aggiornamento in tempo reale e miglioramento dell'Anagrafe dell'edilizia scolastica.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02759-storie-di-mala-scuola-1

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-07/09/2018-06:00
-

Storie di malascuola

--
Padre picchia il professore, ma il figlio prende le sue difese
--
A Padova il padre picchia il professore che ha bocciato il figlio a settembre che l’alunno lo difende facendogli da scudo per tre volte dimostrando di essere più uomo di suo padre.
È quanto accaduto martedì mattina in un liceo padovano dove in questi giorni sono in corso gli esami di riparazione per gli studenti dei tre indirizzi (scientifico, linguistico e scienze applicate). Tra loro c'è anche un sedicenne che non è riuscito a recuperare tutti i debiti e dunque non è stato ammesso all'anno successivo. Il problema è che il padre non l'ha presa affatto bene e ha deciso di farsi giustizia nel modo peggiore: martedì mattina l'uomo si è presentato a scuola e si è scagliato contro il docente ritenuto responsabile di aver bocciato il figlio, aggredito prima fisicamente e poi verbalmente con minacce e offese. Quel che forse il padre non si aspettava è che il figlio facesse scudo all'insegnante per tre volte, trovandosi di fronte il più invalicabile dei muri a spegnere sul nascere la furia cieca dei suoi assalti. Risultato: il professore è rimasto illeso, il genitore è stato denunciato a piede libero per percosse e minacce a pubblico ufficiale.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02745-vacccini-classi-speciali

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-06/09/2018-06:00
-

Vaccini, incredibile ipotesi delle classi "speciali"
per la tutela della salute

--
I ministri Grillo e Bussetti non hanno consapevolezza di ciò che dicono! - ULTIMORA - VACCINI RESTA L'OBBLIGO
--

ULTIMORA – Vaccini, resta l’obbligo
La maggioranza ci ripensa sui vaccini: è pronto un emendamento per confermare l'obbligo per la frequenza scolastica. La maggioranza, infatti, sta valutando una serie di emendamenti presentati da diversi gruppi parlamentari che abroga dal decreto Milleproroghe il comma che rende non obbligatori i vaccini per i bambini di materne e asili.
Si tratta di una clamorosa retromarcia dopo che durante le audizioni, i medici, i pediatri e gli esperti degli Istituti superiori di Sanità, avevano contestato nel merito le ragioni di una scelta che metteva a rischio la salute dei bambini.

-
Mentre impazza la polemica tra MIUR- Min. Salute e presidi sulla vaccinazioni e/o le autocertificazioni per entrare a scuola, spunta l'ipotesi incredibile delle classi "speciali" a tutela dei "pazienti immunodepressi". Nel caso specifico, si tratta di tutti i bambini -10mila la stima di quelli presenti nelle scuole italiane - che per qualche ragione legata alla loro fragile condizione di salute, non possono essere vaccinati.
La ministra Grillo e il ministro Bossetti - roba da non crederci! -  suggeriscono la creazione di "classi speciali" senza sapere che una classe in più non nasce dall’oggi a domani, non solo per gli ambienti, ma anche per gli organici e i servizi connessi.
Il caso più grave, che ha conquistato gli onori della cronaca, l’ha lanciato la mamma di una bimba di Treviso che aspetta un trapianto di fegato e che «la varicella potrebbe ucciderla!».
Un esempio clamoroso e positivo viene dalla scuola di Novi Ligure in cui tutta una classe quinta ha deciso di rinnovare le vaccinazioni per proteggere un compagno che ha un tumore maligno dell'osso e, dovendosi sottoporre a terapie debilitanti, è sempre esposto al rischio di infezioni.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02735-altro-flop-governo-gialloverde

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-05/09/2018-06:00
-

Altro flop del governo gialloverde: archiviata la «pace fiscale»

--
Il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, starebbe vagliando la retromarcia - Inattendibile la previsione d’incasso di 55 miliardi di euro, secondo il Carroccio, contro appena 3,5 miliardi di euro stimati dal Tesoro!
--
Almeno per il momento, la «pace fiscale» con i contribuenti è stata accantonata. Era uno dei provvedimenti più attesi del governo del cambiamento, il «motore» di tutte le proposte innovative in grado di finanziare flat tax e superamento della legge Fornero, e invece niente!
Le proposte della Lega avevano interessato il grande pubblico stante l'applicazione di tre aliquote molto basse (6%, 10% e 25%) per chiudere i conti con il fisco tramite il «saldo e stralcio» con estinzione dei debiti.
Eppure, secondo quanto anticipato dal quotidiano Italia Oggi, il governo gialloverde ma soprattutto il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, starebbe vagliando una mezza retromarcia anche perché non pare attendibile la stima d’incasso pari a 55 miliardi di euro cui aveva accennato più volte il sottosegretario Armando Siri (consigliere del Carroccio in materia di flat tax), mentre secondo il Tesoro si potrebbero incassare appena 3,5 miliardi di euro.
E così tutto rischia di restare come prima: se la contestazione non è stata ancora effettuata, il contribuente può mettersi in regola versando tra il 15 e il 20% dell'imponibile non dichiarato; in caso di accertamento, invece, sarebbe praticato lo sconto di interessi e sanzioni.
Il quotidiano già citato ha confermato le indiscrezioni circa la possibilità di chiudere le liti fiscali con sconti tra il 50 e 1'80% a seconda del grado di giudizio nel caso in cui il ricorrente abbia prevalso una o due volte in commissione tributaria. Possibile anche una rilevazione volontaria, la voluntary disclosure-ter, su cassette di sicurezza e capitali all'estero non dichiarati mediante l'applicazione di un'aliquota compresa tra il 15 e il 20%, purché i capitali vengano reinvestiti in Italia in titoli di Stato o in altri asset indicati dal governo.
Insomma, un «prestito forzoso» a fin di bene per collocare con i capitali di rientro i Btp a rischio speculazione finanziaria internazionale. È tutta da dimostrare, però, la convenienza a regolarizzare gli attivi portati all'estero se il prezzo da pagare è convertirli in buoni del Tesoro. Anche se occorre rilevare come una tale formulazione, in quanto radicatasi nella consuetudine, sarebbe esposta a un minor rischio di bocciatura della Consulta. Dietro queste ipotesi non si può non intravedere un ulteriore segnale di tensione tra Lega e M5S in materia di Fisco. I pentastellati sono sempre stati molto contrari a condoni e sanatorie e, in qualche modo, stanno cercando di stoppare l'iniziativa del Carroccio. Non è un caso che il presidente grillino della Commissione Finanze della Camera, Carla Ruocco, intenda concentrare l'attenzione della «pace fiscale» sui ruoli difficilmente recuperabili dalle Entrate pari a 360,5 miliardi (41% dei ruoli da riscuotere) dovuti da soggetti falliti, da persone decedute, da imprese cessate o da soggetti che risultano nullatenenti.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02723-stangata-d-autunno

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA  XVIII-04/09/2018-06:00
-

Stangata d’autunno per bollette, alimenti, scuola e casa

--
Allarme diffuso da parte delle associazioni dei consumatori
--
Dura prova settembrina per le famiglie italiane alle prese con rincari di generi e beni di largo consumo come il pane, la pasta, i grissini e i biscotti. Se poi il nucleo familiare include i figli minorenni, è in arrivo anche il caro scuola tra materiale didattico e libri di testo. Ma la voce che peserà di più resta, comunque, quella delle bollette compreso la telefonia.
I dati Istat ci indicano che i prossimi mesi non saranno all'insegna del risparmio: nel mese di agosto si è registrato un rincaro mensile dello 0,5% dell'inflazione (+1,5% su base annua) dovuto soprattutto ai prezzi dei servizi dei trasporti (dal +1,7% di luglio all'attuale +2,9%) e dei beni alimentari lavorati (da +1,8% a +2,3%). In salita anche i prezzi del carrello della spesa: dal +2,2% al +2,4%. Rincari che hanno spinto il Codacons a lanciare l'allarme sul fronte dei prezzi di pane e pasta.
La produzione del grano ha, infatti, subito un drastico taglio a causa della siccità nei Paesi produttori e questo avrà conseguenze sul prezzo finale dei prodotti. "Gli italiani - spiega l'associazione - consumano ogni anno in media 24 kg pro-capite di pasta e circa 60 kg di pane, focacce e pizze. Basta, quindi, un rialzo dei listini al dettaglio del 5% dei prodotti trasformati per determinare una maggiore spesa di 45,6 euro annui a famiglia".
Codacons calcola anche che una famiglia con due figli spenderà 154 euro in più su base annua; rincaro condiviso dall'Unione nazionale consumatori che calcola una spesa in più di 554 euro per coppia con due figli e Federconsumatori che si occupa di fare i conti in tasca ai genitori alle prese con le spese scolastiche precisa che "quest'anno ogni studente spenderà 526 euro, lo 0,8% in più rispetto al 2017, per l'acquisto di astucci, diari, quaderni, blocchi da disegno e quant'altro". Particolarmente gravosi, come sempre, i costi per i libri di testo: nel 2018 mediamente per i libri e 2 dizionari si spenderanno 456,90 euro per ogni ragazzo.
Il maggior esborso sarà particolare per gli alunni delle prime classi: per uno studente di prima media si spenderanno per libri di testo e due dizionari ben 428,80 euro; a questi vanno aggiunti 526 euro per il corredo scolastico e i ricambi durante l'intero anno per un totale di 954,80 euro.
Per un ragazzo iscritto al primo liceo il costo dei libri di testo e 4 dizionari ammonta a 651,60 euro e 522 euro per il corredo scolastico e i ricambi.
Altri costi levitati sono quelli della telefonia e quelli delle bollette di luce e gas segnando un +6,5% per la luce e +8,2% per il gas. A gravare sui bilanci familiari sarà anche il completamento della riforma tariffaria per l'energia elettrica. Il terzo e ultimo step è stato già rimandato di un anno: se non si deciderà per un ulteriore stop, dal 1° gennaio 2019 scatterà un meccanismo non più basato sul principio “chi più consuma più paga”, ma su tariffe indifferenziate per tutti che porteranno ad aumenti in bolletta fino al 46% in più per chi consuma meno di 1,500 kWh/anno, vale a dire pensionati e single.
Secondo Codacons, c’è il rincaro anche per pane, focacce e pizze causato dal rialzo dei listini al dettaglio del 5% per i prodotti trasformati.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02713-giovedi-6-settembre-incontro-miur

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-03/09/2018-06:00
-

Giovedì 6 settembre incontro al Miur

--
Tanti i temi posti sul tappeto dai sindacati
--
Giovedì 6 settembre p.v. nel corso dell’incontro al MIUR verranno calendarizzati gli appuntamenti su alcuni temi per i quali le organizzazioni sindacali hanno sollecitato il confronto con il Ministero.
Fra essi: assunzioni, concorso straordinario e ordinario scuola dell’infanzia a primaria, concorso Ds e Dsga, bando MAECI, indennità Dsga, Bonus 2016/2017 e Carta del Docente 2018/2019.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02702-prove-invalsi

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-01/09/2018-06:00
-

Invalsi, date definitive prove a.s. 2018/2019

--

Per la prima volta la prova si svolgerà nelle classi V della scuola secondaria di II grado -
Si comincia dal 4 marzo 2019

--
Le date per le prove nazionali
Prove nazionali per gli alunni delle classi III della secondaria di I grado: dall’1 al 18 aprile 2019
Prove nazionali per gli alunni delle classi V della secondaria di II grado: dal 4 al 30 marzo 2019

L’Invalsi ha anche comunicato tutte le date pubblicate per l’anno scolastico 2018/19, suddivise per ordine di scuola e per classi campione e non campione:
II primaria (prova  cartacea ):
Italiano:  6 maggio 2019
Prova di lettura  solo per le classi campione:  6 maggio 2019
Matematica:  7 maggio 2019
V primaria (prova  cartacea ):
Inglese:  3 maggio 2019
Italiano:  6 maggio 2019
Matematica:  7 maggio 2019
III secondaria di primo grado (prova al  computer – CBT ): Italiano, Matematica e Inglese:
classi  NON campione :  dall’1 aprile 2019 al 18 aprile 2019
classi  campione :  dal 9 aprile 2019 al 12 aprile 2019
II secondaria di secondo grado (prova al  computer – CBT ): Italiano, Matematica
classi  NON campione :  dal 6 maggio 2019 al 18 maggio 2019
classi  campione :  dal 7 maggio 2019 al 10 maggio 2019
V secondaria di secondo grado (prova al  computer – CBT ): Italiano, Matematica e Inglese
classi  NON campione :  dal 4 marzo 2019 al 30 marzo 2019
classi  campione :  dal 12 marzo 2019 al 15 marzo 2019.

-

-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02633-previdenza

-
CERIPNEWS  IN EVIDENZA XVIII-31/08/2018-06:00
-

Previdenza: clero, docenti scuole paritarie, insegnanti asili

--
La precisazione Inps sui contributi – Cosa dice la circolare Inps n. 169/2017
--
Sulle pensioni ritorna quindi di attualità la circolare dell'Inps 169 del 15 novembre 2017 sulla regolarità delle contribuzioni dei pubblici dipendenti, compresi i docenti di religione e i docenti nelle scuole paritarie, in particolare se interessati ad una sistemazione della posizione contributiva.
L'Istituto precisa che dal 1° gennaio 2019 potranno continuare a sistemare la loro posizione contributiva senza incorrere in eventuali effetti della prescrizione sul riconoscimento di altri periodi di lavoro nel pubblico.
L'amministrazione interessata non potrà più regolarizzare i versamenti mancanti e prescritti secondo la prassi in uso nell'ex Inpdap, ma dovrà sostenere un onere corrispondente alla rendita vitalizia in vigore nelle gestioni private dell'Inps.
Un'eccezione riguarda unicamente gli insegnanti delle scuole primarie paritarie, gli insegnanti degli asili eretti in enti morali e delle scuole dell'infanzia comunali. Questi lavoratori sono iscritti alla Cassa Pensioni Insegnanti (CPI), e nell'ipotesi di prescrizione dei contributi, il datore di lavoro può sostenere l'onere della rendita vitalizia, ma nel caso in cui non vi provveda, è direttamente il lavoratore che dovrà pagare l'onere necessario per vedersi valorizzato il periodo sulla posizione assicurativa.
L'Inps ricorda che i dipendenti che vogliano comunque verificare la propria situazione contributiva, possono farlo dal sito istituzionale accedendo, tramite pin, all'estratto conto personale e verificarne la correttezza. In caso di lacune e/o incongruenze possono richiedere la variazione della posizione assicurativa (RVPA), istanza non soggetta ad alcun termine perentorio.

-

-

-
-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02623-usr-sicilia-progetti-nazionali

-
CERIPNEWS  IN EVIDENZA XVIII-30/08/2018-06:00
-

USR Sicilia, progetti nazionali art. 1, co. 65 L. n. 107/2015 a.s. 2018/2019

--
Pubblicato il dispositivo 0000251 del 27/08/2018
--
Il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia ha pubblicato il dispositivo relativo alla procedura per la selezione di unità di personale docente da destinare ai progetti nazionali ai sensi dell’art. 1 co. 65, Legge n. 107/2015 per l’anno scolastico 2018/2019 presso l’USR Sicilia.
PER LEGGERE IL PROVVEDIMENTO CLICCA QUI

-

-

-
-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02612-con-e-commerce-si-risparmia

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-29/08/2018-06:00
-

Con l’e-commerce si risparmia

--
Analisi sui costi dell’Osservatorio nazionale Federconsumatori
--
L'Osservatorio nazionale Federconsumatori ha monitorato il costo del materiale scolastico, compresi i ricambi e i prodotti di marca, evidenziando che per ogni ragazzo o ragazza (prima media oppure prima superiore) si spenderanno mediamente 526 euro per il corredo scolastico (+0,8% rispetto al 2017 ), senza tener conto dei libri di testo.
Ma risparmiare è possibile. “Idealo” ha stimato il prezzo medio di un kit base perfetto, in questo caso per un alunno delle scuole elementari: acquistando online prodotti delle 13 categorie più richieste (zaini, diari, astucci, 5 penne a sfera, 12 matite colorate, set di gomme da cancellare, forbici da carta, righello/goniometro, 6 quadernoni A4, blocco da disegno A4, t-shirt + pantaloncini, borracce e ombrelli da bambini) la spesa quest'anno si aggira intorno al 110 euro, vale a dire il 30,2% in meno rispetto alla composizione dello stesso kit “last-minute” nel 2017 che poteva costare alle tasche degli italiani fino 160 euro senza l'utilizzo di un portale di comparazione prezzi.
Nel dettaglio, i prodotti che consentono un maggiore risparmio rispetto allo scorso anno sono i quadernoni A4 (-79,5%), seguiti dalle matite colorate (-67,1%) e dai diari (-55,3%).

-

-

-
-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02602-tempo-di-recupero-dei-debiti

-
CERIPNEWS  IN EVIDENZA XVIII-28/08/2018-06:00
-

Tempo di recupero dei debiti

--

Il business delle lezioni private a fronte delle scuole latitanti

--
Pur a fronte di un aumento degli studenti rimandati, solo poche scuole hanno attivato i corsi di recupero estivi in tutta Italia e così i genitori hanno dovuto pagare fior di quattrini per far superare il debito ai propri figli prima che inizi la scuola.
Le ripetizioni private, rigorosamente in nero, così invece di diminuire sono cresciute, così come sono cresciuti i rimandati rispetto al passato; quest'anno in aumento sullo scorso anno scolastico: in media il 22,4% degli studenti delle superiori contro il 21,7% di un anno fa. Fa notizia il maggior numero di debiti in  Sardegna e in Lombardia, rispettivamente con il 28,6% e il 26,2% di studenti con giudizio sospeso; sopra la media anche gli studenti del Lazio dove la quota dei rimandati arriva al 23,1% contro il 22,6% di un anno fa.
Tra le regioni più virtuose ci sono la Puglia con il 16% di rimandati e la Calabria con 16,8% di ragazzi alle prese con il recupero, in calo rispetto a un anno fa quando i debiti avevano coinvolto il 17,7% dei ragazzi.
Per quanto riguarda invece i percorsi di studio maggiormente a rischio "debiti", il più alto numero di rimandati si registra negli istituti tecnici dove la quota di alunni con insufficienze da recuperare arriva al 26,8%, seguono a poca distanza gli istituti professionali con il 24%. La percentuale resta invece stabile nei licei dove il recupero riguarda il 19,2% degli iscritti.

-

-

-
-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02593-graduatorie-istituto

-
CERIPNEWS  IN EVIDENZA XVIII-27/08/2018-06:00
-

Graduatorie di istituto: scelta delle sedi

--
Sono esprimibili le sedi relative all’a.s. 2018/2019
--
Il MIUR con nota del 20/08/2018, prot. n. 36820, ha comunicato che saranno aperte fino alle ore 14:00 del 10 settembre prossimo le funzioni POLIS per l’inserimento del titolo di specializzazione per il sostegno e per la scelta delle sedi (mod. B) per il conferimento delle supplenze a.s. 2018/2019.
Gli aspiranti non precedentemente iscritti nelle graduatorie di istituto scelgono le istituzioni scolastiche della provincia in cui è ubicata la scuola alla quale è stato inoltrato il modello di domanda A3.
I docenti che già figurano nelle graduatorie di qualsiasi fascia per insegnamenti diversi da quelli per i quali si chiede l’inserimento in II fascia aggiuntiva, possono inserire/cambiare una o più istituzioni scolastiche della provincia di iscrizione, ai soli fini dell’inserimento nella II fascia aggiuntiva per la finestra temporale del 1° agosto 2018.
Le sedi già espresse ad inizio triennio o in occasione delle precedenti finestre temporali possono essere cambiate esclusivamente con sedi nelle quali sono presenti gli insegnamenti per i quali si chiede l’inserimento nella suddetta finestra temporale.
Pertanto, non possono essere sostituite le sedi ove risultino già impartiti gli insegnamenti per i quali si richiede l’inserimento in II fascia aggiuntiva nella presente finestra temporale.
La scuola capofila precedentemente scelta può essere sostituita tra le preferenze, ma rimarrà comunque, per tutta la durata del triennio, referente della trattazione della posizione dell’aspirante.
Non sono tenuti a presentare istanza di scelta delle sedi i docenti che intendano confermare tutte le istituzioni scolastiche espresse negli anni scolastici precedenti.

-

-

-
-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02581-avviso-noipa

-
CERIPNEWS  IN EVIDENZA XVIII-25/08/2018-06:00
-

Avviso NoiPA ai supplenti 

--
L’emissione speciale del 17 agosto per il pagamento degli stipendi ai supplenti brevi e saltuari, sarà esigibile per l’accreditamento in data 27 agosto prossimo
--
NoiPA ha reso noto, sul proprio sito, un breve avviso per informare che l’emissione speciale del 17 agosto per il pagamento degli stipendi ai supplenti brevi e saltuari, sarà esigibile per l’accreditamento in data 27 agosto prossimo.
L’emissione interessa i contratti che alla data del 17 agosto sono stati autorizzati dalle segreterie scolastiche, per i quali sia stata verificata la disponibilità di fondi sui relativi capitoli di spesa.

-

-

-
-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02557-questo-nostro-belpaese

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-24/08/2018-06:00
-

Questo nostro Belpaese!

--
Disaccordo governativo sulle scuole paritarie - Il peso del debito -
Questa Italia messa davvero male! – Ponte pericolante, va abbattuto
--
Disaccordo governativo sulle scuole paritarie
È guerra Lega-M5S sui fondi alle scuole paritarie e dopo la dichiarazione del ministro Bussetti al Meeting di Rimini la situazione s’è fatta davvero critica.
Da sempre tra i temi più controversi per la maggioranza giallo-verde c'è stato il nodo del rapporto tra scuola pubblica e paritaria,
Ora la questione è tornata alla ribalta in via della Manovra economica, perché le posizioni dei due partiti al governo non sono solo distanti, ma letteralmente opposte.
-
Il peso del debito
I dati recentemente pubblicati dalla Banca d'Italia indicano una «fuga» degli investitori esteri dal mercato dei titoli di Stato italiani: 25 miliardi in maggio e 33 in giugno, le fuoriuscite più grosse negli ultimi anni. La quota di debito pubblico detenuta da investitori esteri è così scesa al di sotto del 31% a fine giugno, rispetto ad un valore superiore al 33% in aprile.
A metà maggio i titoli decennali italiani rendevano circa 1'1,8% per cento. Da metà giugno in poi hanno oscillato tra il 2,5 e il 3 per cento (sono attualmente vicino a quest'ultimo livello).
-
Questa Italia messa davvero male!
Non si sblocca la drammatica vicenda della nave Diciotti che continua ad ospitare a bordo oltre 150 migranti su ordine perentorio di Matteo Salvini, che adesso è contro il presidente della Camera Roberto Fico, contro il premier Conte e contro lo stesso Colle.
Il vicepremier, a quanto pare, se ne frega dell’apertura d’inchiesta per sequestro di persona da parte di ignoti, e che invece dovrebbe essere intestata a lui (sperando che alla fine non ci vada di mezzo anche il comandante della nave!). Salvini, da buon leghista, minaccia tutti e fa sapere che un ordine contro il suo volere potrebbe avere conseguenze drammatiche sul governo.
Magari fosse la volta buona. In una botta metteremmo fuori gioco un leghista e un razzista!
A proposito di razzismo, il cardinale Angelo Scola, uno delle voci più ascoltate della Chiesa, rifiuta l'idea di un' Italia razzista e ignorando il livore salviniano, si limita a parlare di  “rancore diffuso”, e sostiene che possiamo diventare rancorosi quando non ci si appassiona al destino dell'altro perché non siamo capaci di dare una risposta. Scola è in piena sintonia con il Papa che parla con forza di accoglienza e sottolinea che si sta facendo troppo poco. Ma per Salvini, nonostante il rosario in mano e i suoi ridondanti richiami al modello di famiglia cristianamente unita (sic!), Bergoglio deve farsi il Papa!
E lui? Fa il padrone dell’Italia, ma quello che è più grave è che gli consentono di farlo!
-
Ponte pericolante, va abbattuto
I due monconi del ponte Morandi di Genova, rimasti in piedi vanno abbattuti al più presto! Lo spiega il documento che la prefettura di Genova ha inviato al ministero dei Trasporti, alla Presidenza del Consiglio e al Viminale. Aggiungendo che «il pilone 10 è più corroso di quello già collassato». Intanto Atlantia, la holding che controlla Autostrade, va all'attacco del governo denunciando troppe esternazioni fuori luogo, con possibili danni agli azionisti e dalla Magistratura arrivano i primi dieci indagati.

-

-

-
-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02545-carta-del docente

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-23/08/2018-06:00
-

Carta del docente, il non speso si recupera

--
Bloccate le funzionalità di validazione dei buoni sia da applicazione che da web service
--
II Ministero dell'istruzione, con una nota pubblicata nello spazio web dedicato alla carta del docente comunica che: “A partire dal 1° settembre p.v. l'applicazione  Carta del docente sarà momentaneamente sospesa per la gestione del cambio dell'anno scolastico”.
L'amministrazione ha spiegato anche che “i portafogli dei docenti già registrati verranno momentaneamente disattivati e gli importi dei buoni prenotati e non spesi verranno annullati d'ufficio ed attribuiti al residuo dell'anno scolastico 2017/2018. Inoltre saranno bloccate le funzionalità di validazione dei buoni sia da applicazione che da web service”.
Secondo fonti ministeriali, le somme non spese e/o gli importi dei buoni non validati verranno riaccreditati nel “borsellino elettronico” successivamente.

-

-

-
-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02528-morbillo-italia-nel-mirino-oms

-
CERIPNEWS  IN EVIDENZA XVIII-22/08/2018-06:00
-

Morbillo, l’Italia nel mirino dell'Oms

--
Zsuzsanna Jakab, Direttore regionale per l'Europa Oms: ”Vanno implementate immediatamente misure ampie e appropriate al contesto per diminuire la diffusione della malattia”
--
L’anno 2018 è record di casi di morbillo in Europa, e l’Italia da par suo è tra i Paesi peggiori, grazie a chi dà spazio ai “No Vax”. Lo segnala l'Organizzazione mondiale della sanità, esprimendo preoccupazione.
Fino a questo momento, sottolinea il bollettino della European regional verification commission for measles and rubella elimination, il numero massimo di diagnosi, 23.927 in 12 mesi, è stato toccato lo scorso anno; ma nel 2018, Italia, Francia, Serbia, Grecia, Russia, Geòrgia ed Ucraina, hanno superato già “quota mille” e nei sette i Paesi ci sono stati 34 morti.
Parte così l'invito a tutti i Paesi: misure ampie e appropriate al contesto per diminuire la diffusione della malattia, in primis con la vaccinazione.
“Dopo il minimo negativo nel 2016 - dice Zsuzsanna Jakab, Direttore regionale per l'Europa Oms - abbiamo visto un drammatico aumento nelle infezioni e nei focolai. Chiediamo a tutti i Paesi di implementare immediatamente misure ampie e appropriate al contesto per diminuire la diffusione della malattia. Una buona salute parte dalla vaccinazione, e finché non elimineremo il virus non riusciremo a tener fede agli impegni per gli obiettivi di sviluppo sostenibile”.
Secondo il documento, 43 Stati membri su 53 hanno interrotto la trasmissione endemica della patologia, mentre 42 lo hanno fatto per la rosolia, ma non può bastare: i rappresentanti di tutte le nazioni, avvisa la nota dell'Oms, si vedranno a Roma dal 17 al 20 settembre per verificare i progressi.
In Italia dal 1° gennaio al 30 giugno 2018, venti Regioni italiane hanno segnalato 2.029 casi di morbillo (267 a giugno), di cui 4 mortali, e 14 casi di rosolia (3 a giugno). L'89,4% si è verificato in 7 regioni: Sicilia, Lazio, Calabria, Lombardia, Campania, Emilia Romagna e Toscana. Il 91,3% dei malati era non vaccinato al momento del contagio, mentre il 5,4% aveva ricevuto una sola dose del farmaco.
L'Istituto superiore di sanità, che provvede alla sorveglianza integrata di morbillo e rosolia, avvisa che quasi la metà dei pazienti (il 48,9%) ha sviluppato almeno una complicanza e per il 59,5% è stato necessario il ricovero.
“La mancata profilassi ha contribuito a diffondere di nuovo la patologia”, dice Alberto Villani, primario di pediatria e malattie infettive al Bambin Gesù di Roma e presidente della Società italiana di pediatria. Anche in qualità di componente della standing committee Oms, nella regione europea, il medico sostiene che è necessario mantenere l'obbligo di presentare a scuola la certificazione sui vaccini. “Non ci sono le condizioni culturali per agire diversamente. È giusto che il governo tenga conto di tutte le istanze, ma la tutela della salute pubblica è più importante”.
Luisa Galli, professore associato di pediatria all'università di Firenze e direttore del Dipartimento di Malattie infettive pediatriche al Meyer, aggiunge: “I più a rischio sono i bambini immunodepressi, quelli che non possono essere vaccinati e più piccoli, durante il primo anno di vita”. Encefalite, insufficienza respiratoria acuta, con ricorso alla terapia intensiva neonatale, le conseguenze gravi più comuni. “Le scelte di sanità pubblica non devono essere oggetto di strumentalizzazione da parte dei politici”, conclude la professoressa Luisa Galli.

-

-

-
-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02513-recordo-europeo-bimbi-obesi

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-21/08/2018-06:00
-

Abbiamo il record europeo di bimbi obesi

--
Divano, merendine, tv, videogiochi, cellulari e tablet sono i primi responsabili!
--
Nonostante nell'ultimo decennio i bambini obesi e sovrappeso nel nostro Paese siano diminuiti del 13% grazie alla diffusione di una cultura della prevenzione nonché dell'educazione alimentare, quelli italiani restano i bambini più grassi in Europa.
Una questione più di salute che di estetica: divano, merendine, cellulari, tv e tablet  hanno fatto dei bambini italiani i più obesi secondo i dati Oms più recenti con un tasso di obesità che si attesta al 21% per i maschi e un tasso di sovrappeso che tocca il 42%, sempre per il sesso maschile. Per le femmine, questi indici raggiungono il 38%, secondo il Rapporto, presentato a Vienna a fine maggio scorso, dell'European Childhood Obesity Surveillance Initiative dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms).
Ad esagerare a tavola non sono solo i piccoli di casa nostra, ma anche quelli di Cipro, Spagna, Grecia, Portogallo, Malta e San Marino, nazioni dove circa un minore su cinque è corpulento.
Si tratta di risultati preoccupanti, che svelano l'adozione reiterata e diffusa sul nostro territorio di pessime abitudini alimentari da parte degli adulti e di conseguenza dei minori e persino di uno scarso interesse per la salute, poiché essere magri non è una questione meramente estetica, bensì di benessere.
Un fattore di rischio è la minore aspettativa di vita; lo studio presentato a Vienna rivela positivamente che i bambini del Belpaese mangiano frutta quasi tutti i giorni e non eccedono nel consumo di pizza e di cibi da fast food, che costituiscono invece una piaga negli Stati Uniti dove il problema dell'eccesso di grasso è un allarme sociale.
Risulta tuttavia un paradosso che proprio i Paesi dell'Europa meridionale, dove è nata la dieta mediterranea, considerata la più sana al mondo, abbiano conquistato questo primato tutt’altro che virtuoso.

-

-

-
-

CARTA DEL DOCENTE
Acquista i nostri prodotti editoriali: Libri e Cd-Rom

 

Per ricevere la RASSEGNA STAMPA di  CERIPNEWS
basta richiederla a:
INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte // Per corrispondere:  info@ceripnews // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02494-graduatoie-istituto

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-20/08/2018-06:00
-

Graduatorie di istituto, inserimento titolo sostegno

--

Decorrenza: da oggi alle ore 14:00 del 10 settembre

--

Il Decreto n. 1069 dell’11/07/2018 consente l’integrazione delle graduatorie di istituto 2017-2020 tramite la seconda finestra temporale.

La predetta integrazione permette:
1) l’inserimento in 2ª fascia delle graduatorie di istituto dei docenti che hanno conseguito il titolo di abilitazione oltre il termine di aggiornamento triennale delle graduatorie ed entro il 1° agosto 2018;
2)  l’inserimento negli elenchi aggiuntivi di sostegno dei docenti che conseguono il titolo di specializzazione per il sostegno agli alunni con disabilità oltre il termine di aggiornamento triennale delle graduatorie  ed entro il 1° agosto 2018;
3) il riconoscimento della precedenza nell’attribuzione delle supplenze di III fascia di istituto, per i docenti che vi siano inseriti e che conseguono il titolo di abilitazione nelle more dell’inserimento nelle finestre semestrali di pertinenza

Sintetizziamo nella tabella seguente – pubblicata dalla testata OrizzonteScuola - chi può inserirsi negli elenchi aggiuntivi di sostegno, cosa deve fare al riguardo e quando:
 

DOCENTI  INTERESSATI
Possono chiedere l’inserimento negli elenchi aggiuntivi di sostegno i docenti che hanno conseguito il titolo di specializzazione entro il 1° agosto 2018 (e dopo dunque il termine ultimo di aggiornamento triennale delle graduatorie di istituto, ossia il 24/06/2017.

COME PRESENTARE L’ISTANZA
Le domande, per l’inserimento del titolo di sostegno, vanno inviate tramite Istanza Online, compilando il modello A5, alla scuola destinataria dell’istanza di inclusione nelle graduatorie o di inclusione negli elenchi aggiuntivi.

QUANDO PRESENTARE L’ISTANZA
Il modello A5 va inoltrato, tramite Istanze Online dal 20 agosto al 10 settembre, entro le ore 14:00.


docenti, che presenteranno l’istanza suddetta, verranno collocati in coda agli elenchi di sostegno della fascia di appartenenza.

Il modello A5 non deve essere presentato da:
a) i docenti di 1ª fascia che hanno già presentato domanda di inserimento negli elenchi aggiuntivi di sostegno delle GaE, i quali vengono automaticamente trasposti in graduatoria (l’aggiornamento annuale GaE è avvenuto da poco);
b) i docenti che chiedono anche l’inserimento negli elenchi aggiuntivi di II fascia con il modello A3, i quali hanno dichiarato il titolo di specializzazione nel medesimo modello.

-

-

-
-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

 

PER RICEVERE LA RASSEGNA STAMPA DI CERIPNEWS BASTA RICHIEDERLA A: INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02491-italia-sali-scendi-social

-
CERIPNEWS IN EVIDENZA XVIII-18/08/2018-06:00
-

In Italia, sali-scendi dei social

--
Facebook , in calo del 40% in Italia fra gli adolescenti
--
Nel nostro Paese la media degli adolescenti che frequentano Facebook [1]  è in calo del 40% anche per colpa di Instagram [2] acquisito sempre da Facebook nel 2012 ma conservato come «marchio indipendente») che invece è cresciuto in un anno del 6% spopolando proprio fra i giovanissimi.
-- -- --  
[1] Facebook è un social media basato su una piattaforma software in vari linguaggi di programmazione
[2] Instagram è un social network come Twitter, Facebook e Google Plus che però, a differenza di questi elencati, si concentra sulle foto. Instagram è quindi definito un social network fotografico, dal momento che si possono pubblicare soltanto foto e video.

-

-

-
-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

 

PER RICEVERE LA RASSEGNA STAMPA DI CERIPNEWS BASTA RICHIEDERLA A: INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -
-
-
02480-alcolismo-allarme-giovani

-
CERIPNEWS  IN EVIDENZA XVIII-17/08/2018-06:00
-

Alcolismo, allarme tra i giovani

--
Consumo in aumento e tanti esercizi non autorizzati
--
Alcool in aumento nei giovani secondo l'Istituto Superiore della Sanità. Non basta fare un giro nelle notti nei locali della movida di tutte le piazze d’Italia per osservare giovani e giovanissimi in preda ai fumi dell'alcol, ma anche di giorno si assistono a spettacolo squallidi, quanto illegali, con bar e negozi di alimentari che hanno attrezzato u punto di ristoro con ombrelloni, sedie e tavolini che mettono a disposizione di giovanissimi e meno giovani fiumi di birra, invece di venderla imbottigliata soltanto come dovuto!
Come è nota la legge vieta la somministrazione di alcol ai minorenni ma il report rivela come per i minorenni sia piuttosto agevole aggirare l'ostacolo e riuscire a procurarsi le bevande alcoliche, soprattutto con la partecipazione sconsiderata e spregiudicata di tanti venditori anche improvvisati e con l’assoluta mancanza di controlli.
Un giovane su due afferma infatti di aver consumato bevande proibite in esercizi pubblici e uno su tre di averle acquistate in negozi o supermercati senza essere sottoposti ad alcun controllo. Molti esercizi, in ossequio alla normativa e al buon senso, sono scrupolosi nella vendita degli alcolici ma altri risultano evidentemente di manica larga.

-

-

-
-

CARTA  DEL  DOCENTE  -  ACQUISTA I NOSTRI PRODOTTI EDITORIALI: LIBRI E CD-ROM

 

PER RICEVERE LA RASSEGNA STAMPA DI CERIPNEWS BASTA RICHIEDERLA A: INFO@CERIPNEWS.IT  

-

--

TORNA  AL SOMMARIO VAI  A NOTIZIE VAI A LA NOTA VAI A  IN EVIDENZA
-
VAI A ARCHIVIO LA NOTA VAI  A ARCHIVIO NOTIZIE  VAI A ARCHIVIO IN EVIDENZA
-

-Stampa questa notizia solo se lo ritieni necessario (carta A4 f.to orizzontale) // Per la riproduzione totale o parziale dell'Agenzia è obbligatorio citare la fonte  //  Per corrispondere:  info@ceripnews  // nbonacasa@ceripnews.it // nbonacasa@pec.ceripnews.it


- -
- -

 In caso di riproduzione    
totale o parziale dell'Agenzia,     è obbligatorio citare la fonte

CERIPNEWS ®  è un dominio 
        registrato (Italian Network 
        Information Center)

  Testata registrata presso 
     il Tribunale di Palermo 
    il  26/10/2001 al n° 23/2001